Riservato ai membri

Devi essere iscritto a PRIME per vedere questo contenuto video

Iscriviti
Prime

Perez e gli autoscontri del Red Bull Ring

Di:

Sergio Perez è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il messicano paga un distacco pesante dal compagno di team ed è autore di una performance incolore in Austria, dopo essere salito sul podio lo scorso Gran Premio

Le prime otto gare di Sergio Perez con la Red Bull erano state, sin qui, encomiabili. Dopo un naturale periodo d'adattamento, il messicano ha colto un successo nel caotico GP d'Azerbaijan, per poi essere quasi una costante del podio.

Nel GP d'Austria, però, Perez si è perso via via che i giri passavano. A pesare sono state le eccessive sportellate e la doppia penalità inflittagli dai commissari. Risultato che lo colloca di diritto come protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi"

condividi
commenti

GP d'Italia: c'erano le “Gradonate” low cost alla curva Alboreto

Davide Casati, responsabile della comunicazione dell'Autodormo di Monza, ci ha scritto per precisare che, pur con i vincoli COVID-19, la SIAS aveva previsto una tribuna che manteneva al venerdì il prezzo del circolare prato dello scorso anno. Su 3 mila posti disponibili la domenica al costo di 120 euro c'è stata un'affluenza dell'82%.

Red Bull: si pensa la PU 4 per Verstappen già a Sochi?

La squadra di MIlton Keynes potrebbe sfruttare le tre posizioni di penalizzazione di Max in griglia di partenza per il crash di Imola, per introdurre sulla RB16B dell'olandese il quarto motore stagionale. In questo caso l'arancione sarebbe costretto a partire dal fondo dello schieramento. Anche in Mercedes valutano l'uso della quartà unità, ma Hamilton ha bisogno di tornare al più presto al successo visto che è a secco da 10 GP.

Mercedes: il roll bar di Lewis ha retto perfettamente

Dopo il crash causato da Max Verstappen alla Prima Variante del GP d'Italia tutta l'attenzione mediatica è andata alla resistenza dell'Halo che ha protetto Lewis Hamilton da possibili danni alla testa, ma il telaio della Mercedes ha retto all'impatto e basterà sostituire il roll bar (solo sbeccato) per rivedere quella W12 nei prossimi appuntamenti del mondiale.

Torna Whitmarsh in Aston Martin Performance Technologies

Dal 1 ottobre l'ex responsabile di McLaren assumerà il ruolo di amministratore delegato del gruppo Aston Martin Performance Technologies. Martin sarà a capo del progetto di F1 e delle altre attività racing per creare un filo diretto che permetta il traasferimento tecnologico verso il prodotto di serie.

Albon: ecco perché ha scelto la Williams e non l'Alfa Romeo

Alexander Albon ha spiegato di aver scelto la Williams e non l'Alfa Romeo per i maggiori progressi compiuti dalla scuderia britannica in questi ultimi anni ed ha spiegato alcuni retroscena delle trattative.

Todt: "F1 deve progettare vetture adatte anche alla pioggia"

La prossima generazione di vetture di Formula 1 deve essere progettata per correre sotto alla pioggia ed evitare la ripetizione di quanto accaduto in occasione del Gran Premio del Belgio: questo è un punto fermo per il presidente della FIA Jean Todt.

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato Prime

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato

Nonostante un podio ottenuto al debutto, la BRM P201 non è mai più riuscita a replicare questo risultato ed ha vanificato tutto il potenziale inespresso.

Pirelli: a Sochi le tre mescole più morbide della gamma

L'asfalto del tracciato russo è ancora in evoluzione, quindi solitamente offre un grip in aumento nel corso del weekend, cosa che può aprire a strategie alternative da parte delle squadre.

Horner: "I motori del futuro? Con un sound più coinvolgente"

Articolo precedente

Horner: "I motori del futuro? Con un sound più coinvolgente"

Articolo successivo

Ceccarelli: "Max non ha cambiato approccio quando è diventato leader"

Ceccarelli: "Max non ha cambiato approccio quando è diventato leader"
Carica i commenti