Partenze: limitato il movimento della leva della frizione a 80 mm

La FIA a partire da quest'anno pretende con il movimento della leva della frizione sia lineare con l'aumento di coppia per evitare che si possa trovare il punto di stacco. Il paddle deve avere uno spostamento limitato.

Partenze: limitato il movimento della leva della frizione a 80 mm

La partenza nel 2017 sarà più complicata: la FIA ha imposto che la gestione della frizione deve avere un andamento lineare, per evitare che i piloti possano essere aiutati nel trovare il punto di stacco. L’orientamento della Federazione, infatti, è di riportare il via solo nelle mani dei piloti, senza che gli ingegneri possano introdurre delle “diavolerie” che possano aiutare i conduttori.

L’anno scorso era stato deciso di limitare dietro ai volanti l’uso di un solo paddle delle frizione, mentre in precedenza c’era proprio una seconda leva che permetteva di trovare con precisione lo stacco nel momento del via. Sembrava che quel provvedimento potesse bastare per rivedere gomme fumanti sulla griglia di partenza, ma, come abbiamo potuto vedere nel corso della stagione 2016 non è stato così.

La ragione è semplice: a spiegarla è Kevin Magnussen pilota che è arrivato alla Haas dalla Renault: "Bastava rilasciare la leva fra il 10 per cento e l’80 per cento del movimento per trovare il punto di stacco grazie ad una speciale mappatura che teneva conto del grip, della mescola montata e del carico di benzina”.

Insomma non era cambiato proprio niente, per cui Martin Budkowski, nuovo responsabile tecnico della FIA che ha preso il posto di Charlie Whiting, ha modificato la regola: la leva della frizione quest’anno dovrà avere un funzionamento lineare con l’aumento della coppia. Non solo ma il movimento della leva non può essere maggiore di 80 mm e deve avere una distanza di 50 millimetri tra il paddle e qualsiasi altro controllo sul volante, visto che si erano viste nascere leve dalle forme più svariate.

Pascal Wehrlein, pilota Sauber, ha ammesso: "Ora faremo le partenze come con una normale vettura stradale. Toccherà a noi piloti gestire lo stacco della frizione e gli ingegneri non avranno più un ruolo…”.

Nei test di Barcellona, finora, si sono viste simulazioni di partenza più complicate di quelle che eravamo abituate a vedere del recente passato. In particolare la Ferrari che aveva trovato una valida articolazione della leva ha dovuto fare un passo indietro. Ma chissà cosa si inventeranno questa volta gli ingegneri per aggirare i limiti della FIA?

 

Mercedes W07, visuale posteriore del volante
Mercedes W07, visuale posteriore del volante di Hamilton

Disegno by: Giorgio Piola

 

 

condividi
commenti
Briatore: "C'erano tutti alla cena a sorpresa di Londra per Bernie!"

Articolo precedente

Briatore: "C'erano tutti alla cena a sorpresa di Londra per Bernie!"

Articolo successivo

Vettel: "Ferrari in crescita, ma la Mercedes resta la macchina da battere"

Vettel: "Ferrari in crescita, ma la Mercedes resta la macchina da battere"
Carica i commenti