Ocon risponde a Verstappen: "Ha provato a darmi un pugno, non è professionale!"

condividi
commenti
Ocon risponde a Verstappen:
Matteo Nugnes
Di: Matteo Nugnes
11 nov 2018, 19:56

Il pilota della Force India ha provato a difendersi anche per il contatto in gara, dicendo che aveva gomme fresche ed era più veloce, quindi voleva sdoppiarsi per non stare bloccato dietro al leader della gara.

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W09, supera un Max Verstappen, Red Bull Racing RB14 Tag Heuer, in testacoda dopo un contatto con Esteban Ocon, Force India VJM11 Mercedes
Esteban Ocon, Racing Point Force India VJM11
Esteban Ocon, Racing Point Force India VJM11
Esteban Ocon, Racing Point Force India F1 Team, Carlos Sainz Jr, Renault Sport F1 Team e Fernando Alonso, McLaren, nella drivers parade
Esteban Ocon, Racing Point Force India VJM11
Esteban Ocon, Racing Point Force India

Sono volate parole grosse e anche qualche spintone tra Max Verstappen ed Esteban Ocon nel dopo gara di Interlagos. Il pilota della Red Bull era furioso per il contatto che gli è costato la vittoria, avvenuto quando il rivale della Force India stava cercando di sdoppiarsi.

L'olandese, che comunque ha chiuso secondo, ha dato dell'idiota al francese durante le interviste di rito al parco chiuso e poi è andato a cercarlo alle operazioni di peso e gli ha rifilato anche un paio di spintoni. 

Leggi anche:

Nonostante sia stato anche penalizzato con uno stop & go di 10 secondi per l'accaduto, Ocon è andato avanti con la sua convinzione che forse Verstappen avrebbe fatto meglio a farlo sdoppiare, visto che lui era appena uscito dai box ed aveva un gran ritmo.

"Io sono uscito dai box dietro a Max e avevo un gran passo. Nel primo giro sono rimasto bloccato dietro di lui ed ero molto più veloce, quindi la squadra mi ha detto di provare a sdoppiarmi se potevo farlo. Dunque, sono andato all'esterno con una manovra che oggi ha funzionato con altri piloti. Soltanto con Max ci siamo toccati" ha detto a caldo Ocon ai microfoni di Sky Sport F1 HD.

 

Poi ha attaccato duramente il rivale per il comportamento tenuto dopo la gara: "La cosa peggiore però è stata il suo comportamento quando siamo arrivati alla pesa. Mi ha spinto e ha provato anche a darmi un cazzotto. La FIA ha dovuto fermarlo, quindi non è sicuramente un comportamento da professionista".

Quando poi gli è stato chiesto se ha intenzione di parlare ancora con Max, ha concluso: "Sono anni che lotto con Max ed è sempre la stessa cosa. Va avanti da anni, quindi no". 

 

 

Articolo successivo
Verstappen e Ocon convocati dai commissari sportivi dopo il tentativo di rissa

Articolo precedente

Verstappen e Ocon convocati dai commissari sportivi dopo il tentativo di rissa

Articolo successivo

Mondiale Costruttori F1 2018: la Mercedes si è aggiudicata il titolo a Interlagos

Mondiale Costruttori F1 2018: la Mercedes si è aggiudicata il titolo a Interlagos
Carica i commenti