Norris ha parlato con Rossi per fare una gara insieme

Il pilota di Formula 1 Lando Norris ha detto di aver parlato con la leggenda della MotoGP, Valentino Rossi, che concluderà la sua carriera domenica, riguardo alla possibilità di correre insieme in futuro.

Norris ha parlato con Rossi per fare una gara insieme

Il Gran Premio della Comunità Valenciana di questo fine settimana segnerà l'ultima gara in MotoGP di Rossi, che si prepara a terminare una trionfale carriera di 26 anni nel Motomondiale.

Norris non ha mai fatto mistero della sua ammirazione per il nove volte campione del mondo e infatti ha utilizzato spesso delle livree del casco ispirate al sole e alla luna che sono il marchio di fabbrica di Rossi.

In passato poi hanno avuto anche modo di incontrarsi in occasione del Gran Premio di Gran Bretagna di MotoGP del 2019, e ieri Norris ha rivelato di aver inviato a Valentino un "messaggio sentito" per il suo ritiro e di aver contatti abbastanza regolari con il campione di Tavullia.

"Mi ha mandato un messaggio ieri sera, solo perché sta per affrontare l'ultima gara della sua carriera", ha detto Norris.

Quando gli è stato chiesto quale fosse il contenuto del messaggio, ha aggiunto: "Era solo la risposta ad un messaggio che gli ho mandato prima di questo ultimo fine settimana".

"Un breve messaggio accorato, nel quale gli dicevo che mi sarebbe mancato in MotoGP e mi congratulavo per tutto ciò che ha ottenuto e così via".

"Parliamo ogni tanto. Vogliamo ancora provare a fare qualcosa insieme. Lui fa qualche gara di GT, la 12 Ore di Abu Dhabi o qualcosa del genere, quindi ama anche le corse automobilistiche, non gli piacciono solo le moto".

"Speriamo che possa venire a vedere una gara di Formula 1 o qualcosa del genere. Ma ci sarebbe il piano di provare a fare qualcosa insieme. Speriamo che si possa fare".

#46 Monster VR46 Kessel Ferrari 488 GT3: Valentino Rossi, Luca Marini, Alessio Salucci

#46 Monster VR46 Kessel Ferrari 488 GT3: Valentino Rossi, Luca Marini, Alessio Salucci

Photo by: Fotospeedy

Rossi correrà in auto nel 2022 e l'obiettivo è quello di passare alle competizioni GT, anche se non ha ancora specificato quale sarà il suo programma, fatta eccezione per la 12 Ore del Golfo, che disputerà su una Ferrari 488 GT3 con il fratello Luca Marini e l'amico Uccio Salucci.

Parlando ancora del ritiro del "Dottore", Norris ha detto che se non ci fosse stato Valentino probabilmente non avrebbe avuto la stessa ambizione di diventare un pilota.

"Sono momenti tristi. Mi mancherà. Cerco ancora di guardare tutte le gare di MotoGP che posso", ha detto Norris. "Lo guardavo quando avevo quattro o cinque anni e mi ha fatto appassionare alle corse, mi ha portato a guidare una moto".

Leggi anche:

"Quindi sì, è stato il pilota che ho ammirato, quello che mi ha aiutato ad arrivare nella posizione in cui sono, perché probabilmente senza seguirlo la mia ambizione di diventare un pilota non sarebbe stata così grande".

"Mi mancherà. Sono fortunato di averlo incontrato una volta a Silverstone, quando sono riuscito ad andare alla gara di MotoGP. Mi mancherà, ma non credo che sarà così solo per me".

"Penso che milioni di tifosi sentiranno la sua mancanza nel paddock, ma soprattutto il suo personaggio, perché penso che sia una delle cose migliori di Valentino. Il suo atteggiamento con la gente: ha tempo per tutti, quindi penso che sia un ragazzo speciale e sicuramente ci mancherà.

condividi
commenti
Sainz: "Siamo diventati lepri e non cacciatori con la McLaren"
Articolo precedente

Sainz: "Siamo diventati lepri e non cacciatori con la McLaren"

Articolo successivo

Bottas parte meno bene per una leva diversa della frizione?

Bottas parte meno bene per una leva diversa della frizione?
Carica i commenti