Norris: "Bello rendersi conto di poter lottare con i migliori"

Lando Norris ha detto che lottare con le Mercedes e le Red Bull durante i due GP in Austria gli ha fatto capire che non sono imbattibili, inoltre ha risposto ai complimenti che Lewis Hamilton gli ha fatto durante la gara.

Norris: "Bello rendersi conto di poter lottare con i migliori"

Hamilton e Norris hanno lottato per la seconda posizione durante il primo stint del Gran Premio d'Austria dello scorso fine settimana al Red Bull Ring, dopo il controverso episodio con Sergio Perez che ha visto il pilota della McLaren spingere nella ghiaia quello della Red Bull, incappando in una penalità di cinque secondi.

Dopo che Norris ha tenuto testa ad Hamilton per 15 giri, più di quanto avesse fatto durante il precedente Gran Premio di Stiria con Valtteri Bottas e lo stesso Perez, il campione del mondo si è aperto in radio ed ha detto "gran pilota, Lando" dopo essere riuscito a completare il sorpasso.

Norris alla fine è riuscito a ripassare Hamilton quando il pilota della Mercedes ha danneggiato la sua W12 passando in maniera troppo aggressiva su un cordolo, ma ha comunque concluso la gara al terzo posto, alle spalle del vincitore Max Verstappen e di Bottas, che lo aveva superato al pit stop, approfittando della sua penalità di 5".

Quando Motorsport.com gli ha chiesto come si fosse sentito a battagliare con la Mercedes e la Red Bull, oltre che di complimenti di Hamilton, Norris ha detto: "Grazie, non so davvero cosa dire".

"E' stata dura, non è stato facile. Nel primo stint penso che entrambe le Mercedes fossero più veloci di me, e questo non era una sorpresa, la vera sorpresa è stata riuscire a tenerli a bada così tanto a lungo. Ma è stata la prima volta che ho davvero battagliato con loro".

Norris poi ha spiegato che per la prima volta ha avuto modo di osservare a lungo e da vicino Lewis Hamilton, grazie ad una McLaren che ha vissuto uno dei weekend migliori della sua storia recente, permettendogli di andare a piazzarsi in prima fila accanto a Verstappen.

Lando Norris, McLaren MCL35M, Lewis Hamilton, Mercedes W12

Lando Norris, McLaren MCL35M, Lewis Hamilton, Mercedes W12

Photo by: Andy Hone / Motorsport Images

La squadra di Woking è riuscita a fare un passo avanti a cavallo tra le due gare in Austria, anche se già nel GP di Stiria aveva mostrato un ottimo potenziale, permettendo a Lando di partire terzo e finire quinto.

La McLaren ha sfruttato l'eccellente velocità in rettilineo della sua vettura e la trazione in uscita di curva, così come gli aggiornamenti al fondo della MCL35M, oltre ad ottimizzare sia il set-up che la strategia di gara.

"Si può imparare da come guida e da come corre, ma anche da Valtteri. Quando è il caso di prendersi dei rischi e cose del genere", ha detto Norris. "Per quanto apprezzi le sue parole gentili, non è come se stesse guidando perfettamente".

"C'erano delle volte in cui è uscito largo alla curva 1 o ha fatto degli errori alla curva 3. Non è impossibile correre con loro, ma ci arrivi quando la macchina ti permette di farlo e ti rendi conto di avere una possibilità contro di loro".

"E' difficile dirlo quando non stai effettivamente battagliando con loro. Normalmente loro sono molto più avanti rispetto a me, quindi è stato bello".

"E' una bella sensazione correre non solo contro Lewis, ma anche contro Valtteri, Max e Sergio. Essere in quel gruppo e dire che stiamo lottando per il podio perché il nostro passo ne è all'altezza è stata davvero una bella sensazione".

condividi
commenti
Podcast: Ivan Capelli, la favola a metà del Castellet
Articolo precedente

Podcast: Ivan Capelli, la favola a metà del Castellet

Articolo successivo

GP d'Austria: che bagarre alle spalle di Verstappen

GP d'Austria: che bagarre alle spalle di Verstappen
Carica i commenti