Formula 1
02 lug
-
05 lug
Prove Libere 3 in
07 Ore
:
13 Minuti
:
07 Secondi
G
GP di Stiria
09 lug
-
12 lug
Prove Libere 1 in
6 giorni
G
GP 70° Anniversario
06 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
32 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
118 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
132 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
146 giorni

Newey su Verstappen: "Ha solo 22 anni, ma è un leader del team"

condividi
commenti
Newey su Verstappen: "Ha solo 22 anni, ma è un leader del team"
Di:
20 giu 2020, 16:25

Adrian Newey, direttore tecnico della Red Bull, spiega per quale motivo ritenga Verstappen già leader del team facendo un paragone con il Raikkonen della McLaren a metà anni 2000.

Non ci sono dubbi sulla stima che la Red Bull ha nei confronti di Max Verstappen. Gli apprezzamenti pubblici nei confronti dell’olandese sono frequenti da parte di Helmut Marko e Christian Horner, ma Verstappen è apprezzato molto anche da Adrian Newey.

L’ingegnere britannico ha analizzato il ruolo di Max all’interno del team, descrivendo un pilota che a dispetto dell’età è già un punto di riferimento per la squadra.

“Quando osservi come Max si comporta in pista – ha commentato Newey nel podcast di Motor Sport Magazine – non penseresti mai che abbia solo ventidue anni. Durante un weekend di gara è una figura leader all'interno della squadra, e questo conferma che non è tanto l’età anagrafica a fare la differenza, quanto il tempo da cui si svolge un’attività”.

Verstappen ha battuto molti dei record di precocità in Formula 1, ma a dispetto della sua giovane età è arrivato nel Circus dopo molti anni trascorsi in karting, disciplina a cui si è avvicinato a soli sette anni.

“Se valutiamo il tempo che ha trascorso in pista non c’è poi tanta differenza tra Max ed i piloti che sono arrivati in Formula 1 ad un’età maggiore”. Newey porta l’esempio di Kimi Raikkonen, che ha esordito in Formula 1 a 21 anni con il team Sauber nel 2001, per poi passare alla McLaren, dove era presente lo stesso Newey, la stagione successiva.

“All’epoca Kimi era un vero novellino, non era in grado di guidare una squadra né di essere il numero uno indiscusso. Solo nel 2005 è diventato il leader del team, ma nonostante la sua età non aveva la stessa preponderanza che Max ha oggi”.

Articolo successivo
F1 Stories: GP USA 2005, la gara con solo 6 auto

Articolo precedente

F1 Stories: GP USA 2005, la gara con solo 6 auto

Articolo successivo

Megaride, l'incubatore di idee per trovare il grip in F1 e MotoGP

Megaride, l'incubatore di idee per trovare il grip in F1 e MotoGP
Carica i commenti