Nasr: "La C35 è più stabile al posteriore"

Il pilota della Sauber è soddisfatto del debutto della nuova monoposto, soprattutto per i tanti chilometri coperti senza particolari problemi e appunto per la maggior stabilità trovata immediatamente al posteriore

Nasr: "La C35 è più stabile al posteriore"
Felipe Nasr, Sauber C35
Felipe Nasr, Sauber C35
Felipe Nasr, Sauber C35
Felipe Nasr, Sauber C35
Felipe Nasr, Sauber C35
Felipe Nasr, Sauber C35
Felipe Nasr, Sauber C35

E' toccato a Felipe Nasr portare al debutto la Sauber C35, una delle due novità della prima giornata dei test di marzo di Barcellona insieme alla Toro Rosso STR11. Il brasiliano ha chiuso in nona posizione, ma soprattutto è riuscito a completare subito 103 giri del tracciato catalano senza incappare in particolari problemi. E' questa infatti la cosa che ha colpito il brasiliano, che ha trovato una monoposto comunque già migliore, soprattutto per quanto riguarda la stabilità del posteriore.

Quali sono le prime impressioni sulla C35?
"E' stata una buona giornata e siamo contenti di essere riusciti a fare tanti chilometri nel primo giorno in pista della macchina nuova. Pensavamo di avere alcuni problemi tipici di un debutto, ma abbiamo dovuto fare solo alcune piccole regolazioni in mattinata, soprattutto sul fronte dell'elettronica. Ovviamente abbiamo ancora tanto lavoro da fare nei prossimi giorni, ma la prima impressione sulla C35 è stata positiva,. Pare un passo avanti da tutti i punti di vista: telaio, motore, cambio. Ma per ora non abbiamo ancora spinto per cercare la prestazione".

C'è qualcosa che ti ha colpito particolarmente?
"La cosa più interessante è che sembra che la vettura sia più stabile al posteriore, ma dopo un giorno è ancora presto per esprimere dei giudizi, anche perché per adesso praticamente non abbiamo fatto modifiche sul fronte meccanico. Come ho detto, è stata una giornata migliore di quanto mi potessi aspettare, soprattutto sul fronte dei chilometri, ma questo è importante perché abbiamo tanti dati da analizzare questa sera".

Quattro giorni possono bastare per capire la C35?
"Se nei prossimi tre giorni riusciremo a lavorare ancora così tanto, completando il programma che abbiamo pianificato, credo che avremo una buona base con cui partire per Melbourne. E' ovvio però che se la C35 fosse stata pronta la settimana scorsa avremmo avuto più tempo a disposizione per scoprirla più serenamente. Ora possiamo solo concentrarci su quello che abbiamo e cercare di fare del nostro meglio, perché questa è più o meno la vettura con cui correremo a Melbourne".

La power unit Ferrari come ti è sembrata?
"Il motore mi ha impressionato in termini di guidabilità. Da questo punto di vista è stato fatto un passo avanti importante. Anche questo forse ci ha aiutato a trovare una maggiore stabilità in uscita di curva".

condividi
commenti
Kvyat: "Buon pomeriggio di lavoro, dopo il guaio ai freni"

Articolo precedente

Kvyat: "Buon pomeriggio di lavoro, dopo il guaio ai freni"

Articolo successivo

Gutierrez: "Giorno non ideale. Dobbiamo trovare l'affidabilità"

Gutierrez: "Giorno non ideale. Dobbiamo trovare l'affidabilità"
Carica i commenti