Formula 1
12 mar
-
15 mar
Evento concluso
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
FP1 in
84 giorni
02 lug
-
05 lug
FP1 in
105 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
FP1 in
119 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
FP1 in
133 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
FP1 in
161 giorni
03 set
-
06 set
FP1 in
168 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
182 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
FP1 in
217 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
224 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
238 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
252 giorni

Motori F1: chi ci rimetterà con il doppio flussometro?

condividi
commenti
Motori F1: chi ci rimetterà con il doppio flussometro?
Di:
5 feb 2020, 09:13

La FIA ha deciso di controllare il consumo istantaneo di benzina (100 kg/h) con un secondo flussometro che non sarà gestito dai team, ma dai commissari federali: con la TD 39/19 ci sarà qualcuno che avrà un calo nelle prestazioni? Pare di no perché lo sviluppo 2020 si gioca sui materiali e i carburanti.

Quale sarà il motorista che ci rimetterà di più nell’adozione del secondo flussometro che la FIA introdurrà dal primo GP della stagione 2020? A sentire i singoli Costruttori impegnati in Formula 1 nessuno avrà ripercussioni sulle prestazioni dei propri motori.

I fatti ci diranno, invece, chi pagherà qualcosa nelle prestazioni dopo che Nicholas Tombazis ha introdotto una normativa tecnica (TD 39/19) alla fine dello scorso anno grazie alla quale i commissari tecnici della FIA avranno modo di leggere i valori di portata istantanea del carburante (max 100 kg/h a 10.500 giri) da un loro flussometro con una propria taratura, mentre fino allo scorso anno dovevano accontentarsi dei dati emersi con le regolazioni dei team.

La FIA ha deciso di chiudere degli spazi nelle zone grigie del regolamento tecnico, vale a dire in quegli ambiti dove le interpretazioni delle squadre hanno spinto la ricerca dei Costruttori ai limiti delle norme, scatenando forti proteste quando è stata la Ferrari ad avventurarsi in questi meandri, mentre nessuno aveva niente da dire quando era la Mercedes a mostrare una superiorità di motore imbarazzante rispetto a tutti gli altri.

L’ultima stagione dell’attuale F1 presenterà aspetti sicuramente interessanti. La Ferrari è attesa a confermare la sua supremazia in fatto di power unit pur essendo stata tartassata nel 2019 da continui controlli che non hanno mai portato a provvedimenti punitivi (solo una forte multa ad Abu Dhabi).

Andy Cowell proprio ieri ha affermato che la Mercedes ha già deliberato i motori per le prime sette gare del campionato 2020 con miglioramenti sia nella parte elettrica, sia nella parte endotermica del 6 cilindri turbo, segno che a Brackley si vogliono riprendere una supremazia perduta, nonostante siano emersi alcuni piccoli problemi di affidabilità.

La sensazione è che la partita per restare alla soglia dei mille cavalli di potenza si giochi in due elementi distinti: i materiali e la benzina. La F1, quindi, cerca le prestazioni nella chimica.

Nuove leghe che consentano di incrementare la pressione in camera di combustione per migliorare l’efficienza del propulsore (queste unità sono già arrivate al 50% del rendimento) e nuove benzine, nonostante i vincoli normativi del composto, che permettano di evitare le nocive detonazioni.

E in tutto questo la Honda non sta dormendo: la Casa giapponese nel 2019 ha fatto un salto di qualità impressionante, più nelle prestazioni che nell’affidabilità. La collaborazione con la Red Bull Racing sta dando risultati molto importanti che l’anno scorso ha fruttato tre vittorie.

Helmut Marko ipotizza Max Verstappen come il vero sfidante di Lewis Hamilton nella lotta iridata, non considerando la Ferrari come una minaccia concreta. E, allora, gli occhi cominceranno a essere puntati anche sulla power unit nipponica…

Scorrimento
Lista

Il motore Honda di una Red Bull Racing RB15

Il motore Honda di una Red Bull Racing RB15
1/10

Foto di: Giorgio Piola

Ferrari SF90, dettaglio del motore

Ferrari SF90, dettaglio del motore
2/10

Foto di: Giorgio Piola

Ferrari SF90, dettaglio dello scarico

Ferrari SF90, dettaglio dello scarico
3/10

Foto di: Giorgio Piola

Mercedes F1 AMG W10, dettaglio del motore

Mercedes F1 AMG W10, dettaglio del motore
4/10

Foto di: Giorgio Piola

Renault F1 Team R.S.19, dettaglio del motore

Renault F1 Team R.S.19, dettaglio del motore
5/10

Foto di: Giorgio Piola

Alfa Romeo Racing C38, dettaglio del motore Ferrari

Alfa Romeo Racing C38, dettaglio del motore Ferrari
6/10

Foto di: Giorgio Piola

Renault F1 Team R.S.19, dettaglio del motore e dell'ala posteriore

Renault F1 Team R.S.19, dettaglio del motore e dell'ala posteriore
7/10

Foto di: Giorgio Piola

Barili di carburante Shell della Ferrari

Barili di carburante Shell della Ferrari
8/10

Foto di: Lionel Ng / Motorsport Images

Ingegnere Exxon-Mobil al lavoro nel laboratorio mobile all'interno del box Red Bull

Ingegnere Exxon-Mobil al lavoro nel laboratorio mobile all'interno del box Red Bull
9/10

Foto di: ExxonMobil

Bottas nei laboratori di Petronas Lubricants International

Bottas nei laboratori di Petronas Lubricants International
10/10

Foto di: Franco Nugnes

 

 

Related video

Articolo successivo
Camilleri: "La Ferrari investe di più per vincere in F1"

Articolo precedente

Camilleri: "La Ferrari investe di più per vincere in F1"

Articolo successivo

F1: il GP di Cina può essere posticipato. Si farà a dicembre?

F1: il GP di Cina può essere posticipato. Si farà a dicembre?
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Autore Franco Nugnes