Sticchi Damiani: "Servono lavori urgenti per Monza. L'aiuto del governo italiano sarebbe determinante!"

condividi
commenti
Sticchi Damiani: "Servono lavori urgenti per Monza. L'aiuto del governo italiano sarebbe determinante!"
Di:
09 apr 2019, 16:57

Il presidente di ACI, intervenuto a margine di Expo Move, spiega che l'Autodromo necessita di 60 milioni per ristrutturazioni urgenti. L'impianto brianzolo festeggerà il centenario tra 3 anni.

Monza e la Formula 1, una storia che procede sul filo di un rasoio molto tagliente e, a oggi, non certo stabile. ACI sta trattando da mesi con Liberty Media per rinnovare il contratto e rimanere a far parte del calendario di Formula 1 anche nei prossimi anni come Gran Premio d'Italia, ma questi incontri non hanno ancora portato a risultati soddisfacenti per le parti interessate.

Nelle ultime ore la stampa tedesca ha lanciato la notizia di un possibile coinvolgimento economico del governo italiano per sostenere ACI e mantenere il Gran Premio d'Italia a Monza anche nei prossimi anni.

“Non sono aggiornatissimo perché non ho avuto notizie dirette. Ho letto anche io la notizia e credo che sia una cosa leggermente diversa da ciò che è emersa", ha dichiarato all'agenzia stampa Italpress il presidente di ACI, Angelo Sticchi Damiani, intervenuto a margine dell'evento Expo Move.

Leggi anche:

"Abbiamo detto in più occasioni che l’Autodromo di Monza ha bisogno di lavoro importanti e che oggi l’ipotesi è di un importo totale di circa 100 milioni, molto urgenti di 60 milioni. Abbiamo anche detto che ACI è impegnata nel sostegno del pagamento del FI al promotore e quindi all’organizzazione, e non può affrontare anche i costi di una serie di opere molto urgenti perché l’autodromo di Monza è datato: fra tre anni ne compirà 100 ed è giusto arrivare a quella data con un autodromo che sia all’altezza della storia che ha. Quindi immaginiamo che si tratta di questa nostra richiesta di sostegno a fare i lavori".

"Se arrivasse da parte del governo un contributo a fare alcuni lavori nell’autodromo di Monza sarebbe determinante per poter fare tutto quello che vogliamo fare - ha proseguito Sticchi Damiani - Noi siamo riusciti a trovare grazie alla regione Lombardia un equilibrio, che scade quest’anno, con il 2019, e che dobbiamo rinnovare per i prossimi anni".

L'intesa tra ACI e Liberty Media, come detto, stenta ad arrivare anche per le cifre dei contratti firmati in precedenza da ACI e Bernie Ecclestone. Per questo l'eventuale intervento del governo italiano dal punto di vista economico potrebbe sbloccare la situazione che a oggi è in stallo.

"C’è una trattativa molto serrata, complicata e difficile con Liberty media che ha ereditato i contratti troppi onerosi e non sostenibili. Ma questo riguarda l’aspetto organizzativo ed il FI. Credo che invece quel disegno di legge che speriamo arrivi alla conclusione e che si concretizzi sia straordinariamente importante per i lavori che dobbiamo fare".

"Ci sono una serie di cose su cui dobbiamo intervenire, anche perché le normative si evolvono: la gestione di alcuni spazi, la possibilità di avere una accoglienza al passo coi tempi, e le esigenze del promotore che punta su Monza come uno dei più importanti, forse il più importante appuntamento del campionato del mondo”.

 
Articolo successivo
GP di Cina: Grosjean svela il casco celebrativo per i 1000 GP della F1

Articolo precedente

GP di Cina: Grosjean svela il casco celebrativo per i 1000 GP della F1

Articolo successivo

Sticchi Damiani: "Leclerc è un fenomeno. Lui e Vettel porteranno la Ferrari ai Mondiale"

Sticchi Damiani: "Leclerc è un fenomeno. Lui e Vettel porteranno la Ferrari ai Mondiale"
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Autore Giacomo Rauli
Sii il primo a ricevere le
ultime notizie