Formula 1
10 ott
-
13 ott
Evento concluso
24 ott
-
27 ott
Evento concluso
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
Evento concluso
28 nov
-
01 dic
Evento concluso

Monaco, Libere 1: Hamilton davanti con la Mercedes, ma Verstappen è a un soffio

condividi
commenti
Monaco, Libere 1: Hamilton davanti con la Mercedes, ma Verstappen è a un soffio
Di:
23 mag 2019, 10:51

L'olandese è riuscito a infilare la sua Red Bull fra le due Mercedes. I primi tre sono raccolti in soli 72 millesimi di secondo, mentre le Ferrari sono più staccate con Leclerc a oltre tre decimi e Vettel più lontano a sette decimi.

Una Mercedes davanti a tutti: nonostante il passo lungo della W10 che è sempre stato ostico nel Principato, la freccia d'argento di Lewis Hamilton ha confermato anche nella prima sessione di prove libere del GP di Monaco la superiorità tecnica nel lento che già si era vista nel T3 di Barcellona, ma non ha fatto la grande differenza che ci si aspettava.

Il penta-campione ha girato con le gomme Soft in 1'12"106, un tempo che è solo 20 millesimi più veloce rispetto allo scorso anno, sebbene i due terzi della pista siano stati riasfaltati (alcuni piloti si sono lamentati delle maggiori sconnessioni del fondo e della presenza di graining sulle gomme per la pista ancora poco gommata).

Dietro a Lewis c'è Max Verstappen con la Red Bull RB15 profondamente rivista nell'aerodinamica: l'olandese con 1'12"165 è arrivato ad appena 59 millesimi da Hamilton, incuneandosi fra le due Mercedes. Max ha guidato benissimo, ma ha fatto un lungo al Mirabeau ed è stato spinto dai commissari per tornare in pista perché non funzionava la retrimarcia. Inoltre ha avuto una piccola disavventura nel box quando la macchina è caduta dai carrelli rovinando su un lato i bargebord!

Valtteri Bottas è terzo con la seconda W10 ad appena 72 millesimi dal compagno di squadra, mentre le Ferrari fanno più fatica: Charles Leclerc con 1'12"467 è a 361 millesimi dalla vetta, mentre Sebastian Vettel sembra meno a suo agio perché com la SF90 è a 717 millesimi. La Rossa conferma le carenze nel lento e cerca di difendersi non avendo portato nel Principato significative novità tecniche che arriveranno più avanti.

Leggi anche:

La sesta piazza è di Pierre Gasly con la seconda Red Bull: buono il piazzamento, pessimo il tempo visto che il francese si è beccato un secondo dal compagno di squadra e ha tenuto dietro la Renault di Nico Hulkenberg settima.

Durante la sessione abbiamo visto esporre la bandiera nera alle Haas. Nessuna squalifica per Kevin Magnessun e Romain Grosjean, ma una segnalazione d'impatto ai piloti richiesta dal team diretto da Gunther Steiner per far rientrare i due conduttori visto che la radio di bordo non funzionava proprio come tutta la telemetria (l'impianto voce adesso è un canale dell'acquisizione dati). Insomma è la prima volta che una bandiera nera è stata sventolata in GP senza una funzione punitiva! Alla fine Magnussen si è arrampicato all'ottavo posto con la VF-19 con Romain Grosjean decimo.

Fra i due si è infilato Kimi Raikkone nono con l'Alfa Romeo: Iceman è parso nuovamente a suo agio dopo la delusione spagnola. La crescita della C38 è testimoniata anche da Antonio Giovinazzi 12esimo a un decimo dal finlandese.

Fuori dalla top ten Daniel Ricciardo con la seconda Renault R.S.19, mentre Daniil Kvyat e Alexander albon viaggiano di conserva con la Toro Rosso 13esimo e 14esimo. Non sembra a suo agio Lando Norris con la McLaren che precede Sergio Perez con la Racing Point, mentre sembra in crisi Lance Stroll solo 19esimo dietro alle Williams!

George Russell, 17esimo, è stato davanti a Robert Kubica: il polacco si è girato in testacoda all'uscita della curva del Casino con la Williams ed è stato bravissimo a far piroettare la sua monoposto sul fondo irregolare senza sbattere contro i rail, ma limitandosi a strisciare una bandella dell'ala anteriore.

Solo quattro giri per Carlos Sainz che ha perso quasi tutta la sessione a cusa di un problema alla batteria del sistema ibrido della power unit Renault montata sulla McLaren MCL34. Un bel guaio per lo spagnolo che non ha potuto prendere confidenza con l'insidioso tracciato cittadino del Principato se non nei tre giri finali giusto per verificare che tutto funzionasse.

Cla Pilota Giri Tempo Distacco Distacco km orari
1 United Kingdom Lewis Hamilton 47 1'12.106     166.604
2 Netherlands Max Verstappen 35 1'12.165 0.059 0.059 166.468
3 Finland Valtteri Bottas 43 1'12.178 0.072 0.013 166.438
4 Monaco Charles Leclerc 25 1'12.467 0.361 0.289 165.774
5 Germany Sebastian Vettel 36 1'12.823 0.717 0.356 164.964
6 France Pierre Gasly 41 1'13.170 1.064 0.347 164.182
7 Germany Nico Hulkenberg 45 1'13.227 1.121 0.057 164.054
8 Denmark Kevin Magnussen 24 1'13.232 1.126 0.005 164.043
9 Finland Kimi Raikkonen 39 1'13.363 1.257 0.131 163.750
10 France Romain Grosjean 23 1'13.379 1.273 0.016 163.714
11 Australia Daniel Ricciardo 41 1'13.413 1.307 0.034 163.638
12 Italy Antonio Giovinazzi 39 1'13.437 1.331 0.024 163.585
13 Russian Federation Daniil Kvyat 40 1'13.731 1.625 0.294 162.932
14 Thailand Alexander Albon 45 1'13.827 1.721 0.096 162.720
15 United Kingdom Lando Norris 39 1'14.278 2.172 0.451 161.732
16 Mexico Sergio Perez 40 1'14.566 2.460 0.288 161.108
17 United Kingdom George Russell 40 1'15.115 3.009 0.549 159.930
18 Poland Robert Kubica 24 1'15.514 3.408 0.399 159.085
19 Canada Lance Stroll 37 1'16.135 4.029 0.621 157.788
20 Spain Carlos Sainz Jr. 4 2'00.670 48.564 44.535 99.554
Articolo successivo
Bandiera nera alle due Haas nella FP1, ma era solo un problema di radio e telemetria!

Articolo precedente

Bandiera nera alle due Haas nella FP1, ma era solo un problema di radio e telemetria!

Articolo successivo

LIVE Formula 1, GP di Monaco: Prove Libere 2

LIVE Formula 1, GP di Monaco: Prove Libere 2
Carica i commenti