Mick Schumacher svela: "E' da inizio stagione che guido storto"

Mick Schumacher ha rivelato di guidare in una posizione non corretta da inizio anno, ma non per colpa del sedile. Questo, infatti, è perfettamente dritto. Dovrà essere lui a dover modificare la sua postura in macchina. Haas, poi, modificherà il sedile per aiutarlo.

Mick Schumacher svela: "E' da inizio stagione che guido storto"

Tra Sebastian Vettel e Mick Schumacher c'è feeling e lo si è visto sin da quando il figlio di Michael è approdato in Formula 1. Il 4 volte iridato ex Red Bull e Ferrari ha preso sotto la propria ala protettrice il vincitore della FIA Formula 2 2020 e lo sta aiutando in quella che è la sua prima stagione nel Circus iridato.

Una stagione non semplice, perché Mick sta guidando per un team - la Haas - che in questa stagione non porterà alcuno sviluppo per concentrare tutte le risorse economiche sulla monoposto della prossima stagione.

Una delle poche cose che il giovane Schumacher può fare è mettersi alle spalle il compagno di squadra con regolarità. Cosa che, per altro, nelle prime gare è avvenuto frequentemente. Però ogni cosa, ogni aspetto può essere migliorato. E la puntigliosità di Vettel può essere un aiuto.

Alla fine del GP di Francia Vettel è stato invitato da Mick a guardare l'abitacolo della Haas. L'oggetto della discussione era il sedile. Oggi, nella conferenza stampa piloti del giovedì che apre il fine settimana del Gran Premio di Stiria, in Austria, Schumacher e Vettel hanno rivelato l'argomento dei loro discorsi.

"Abbiamo deciso di comune accordo di non condividere dettagli!", ha dichiarato Mick. Poi, però, Sebastian è intervenuto: "Va bene". A quel punto, Schumacher nel dettaglio c'è entrato davvero e ha spiegato di cosa i due abbiano parlato dopo il Gran Premio di Francia.

"Fondamentalmente sono stato seduto in una posizione storta dall'inizio della stagione. Il sedile è centrale ma io non sono dritto. In realtà ne abbiamo parlato prima e quindi abbiamo colto l'occasione per guardare".

"Gli ho fatto vedere il sedile. Abbiamo parlato solo di quello. Penso che lui abbia suggerito a mia madre di rompermi il sedile, così ne avrei avuto uno nuovo velocemente. Ma non è successo, per cui ho ancora lo stesso sedile".

Vettel, poi, è intervenuto per spiegare il motivo per cui sia intervenuto e abbia cercato di aiutare Mick dopo il Paul Ricard: "Sarebbe stato difficile fare un sedile nuovo, quindi non seguite sempre i miei consigli!", ha scherzato riguardo le parole legate all'intervento fittizio della madre di Schumacher.

"La chiave della questione è molto semplice. Ho passato tanti anni a correre e abbiamo parlato del sedile durante l'ultima settimana. Ci sono sempre piccole cose che si possono migliorare o guardare, quindi ho voluto dare un'occhiata e l'abbiamo fatto".

Schumacher ha poi concluso parlando di ciò che sarà chiamato a fare nelle prossime settimane, così da migliorare la sua posizione di guida: "Sono io che sono storto nel sedile. Dunque sono io che devo cercare di trovare la giusta posizione. Penso che ovviamente, beh, di non essere simmetrico, è qualcosa su cui devo lavorare, ma è difficile da raggiungere in poco tempo. Devo però dire che ci sono piani del team per cambiare il sedile prossimamente".

condividi
commenti
Alpine: Alonso ha un terzo elemento anteriore diverso da Ocon
Articolo precedente

Alpine: Alonso ha un terzo elemento anteriore diverso da Ocon

Articolo successivo

Sainz: "Positiva la reazione Ferrari ai problemi della Francia"

Sainz: "Positiva la reazione Ferrari ai problemi della Francia"
Carica i commenti