Formula 1
12 mar
-
15 mar
Evento concluso
21 mag
-
24 mag
FP1 in
63 giorni
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
FP1 in
85 giorni
02 lug
-
05 lug
FP1 in
106 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
FP1 in
120 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
FP1 in
134 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
FP1 in
162 giorni
03 set
-
06 set
FP1 in
169 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
183 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
FP1 in
218 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
225 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
239 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
253 giorni

Mercedes, l'origine di un marchio era una bambina

condividi
commenti
Mercedes, l'origine di un marchio era una bambina
Di:
10 set 2011, 10:29

Pubblichiamo il primo pezzo che è stato selezionato: è quello di Cira Veneruso di Napoli

Cira Veneruso, è l'unica donna dei cinque Fotoreporter che sono qui a Monza. Napoletana di 22 anni, studia ingegneria meccanica all'Università di Napoli e frequenta il terzo anno. E' molto appassionata di corse e il suo sogno sarebbe di diventare ingegnere di pista in un team di Formula 1. Ecco il pezzo che l'ha portata a Monza... "Adriana Manuela Ramona Jellinek. Chi avrebbe immaginato che questo nome potesse diventare famoso nel mondo? Certamente suo padre, Emil Jellinek, il precursore della Mercedes, divenuta successivamente Mercedes–Benz. “Mercedes” infatti era il nome di battesimo di sua figlia. Jellinek fin dall’infanzia fu un appassionato di corse (basti pensare che a soli diciannove anni fu licenziato perché organizzava gare clandestine di vetture ferroviarie), ed era convinto che sua figlia gli portasse fortuna; in effetti fu da subito chiaro che non si sbagliava. Tutto ebbe inizio quando intraprese l’attività di commerciante di automobili (e il salone, indovinate un po’ come si chiamava? Villa Mercedes!). In pochissimi anni divenne importatore ufficiale in Francia del marchio Daimler e iniziò a gareggiare con tali vetture tedesche imponendo però di apporre sul muso delle vetture il suo marchio, ovviamente “Mercedes”. Molti anni dopo la sua morte, nel 1934, con lo stesso spirito appassionato e innovativo di Jellinek, nacque il mito delle Frecce d’Argento, automobili incredibilmente innovative e veloci, che hanno segnato in modo indelebile la storia dell’automobilismo e hanno appassionato milioni e milioni di uomini e donne di ogni nazionalità. Il marchio Mercedes ha vinto due 24 ore di Le Mans, quattro campionati di F1 (con Fangio e Hakkinen), due campionati mondiali sport prototipi, tre campionati DTM, la 500 Miglia di Indianapolis come fornitore di motori, due campionati Fia GT e oggi è a caccia del titolo costruttori in F1 con il sette volte campione del mondo Michael Schumacher … il mito che incontra il mito, e possiamo star certi che il marchio Mercedes tuonerà ancora a lungo negli autodromi (e nei cuori) di tutto il mondo".
Articolo successivo
Robert Kubica tornerà a guidare ad ottobre!

Articolo precedente

Robert Kubica tornerà a guidare ad ottobre!

Articolo successivo

La FIA impone un valore limite al camber

La FIA impone un valore limite al camber
Carica i commenti