Formula 1
12 mar
-
15 mar
Prossimo evento tra
53 giorni
G
GP del Bahrain
19 mar
-
22 mar
Prossimo evento tra
60 giorni
02 apr
-
05 apr
Prossimo evento tra
74 giorni
G
GP della Cina
16 apr
-
19 apr
Prossimo evento tra
88 giorni
30 apr
-
03 mag
Prossimo evento tra
102 giorni
07 mag
-
10 mag
Prossimo evento tra
109 giorni
21 mag
-
24 mag
Prossimo evento tra
123 giorni
G
GP d'Azerbaijan
04 giu
-
07 giu
Prossimo evento tra
137 giorni
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
Prossimo evento tra
144 giorni
G
GP di Francia
25 giu
-
28 giu
Prossimo evento tra
158 giorni
02 lug
-
05 lug
Prossimo evento tra
165 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
Prossimo evento tra
179 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
Prossimo evento tra
193 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
Prossimo evento tra
221 giorni
03 set
-
06 set
Prossimo evento tra
228 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
Prossimo evento tra
242 giorni
24 set
-
27 set
Prossimo evento tra
249 giorni
G
GP del Giappone
08 ott
-
11 ott
Prossimo evento tra
263 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
277 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
284 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
298 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
Prossimo evento tra
312 giorni

Mercedes: è stata determinante l'ultima chiamata meteo prima della Q3

condividi
commenti
Mercedes: è stata determinante l'ultima chiamata meteo prima della Q3
Di:
11 ott 2018, 16:45

Vowles, stratega della Mercedes, ha spiegato come mai il team di Brackley abbia evitato di montare le gomme intermedie come la Ferrari: "Ci hanno confermato con alta probabilità l’arrivo della pioggia 8 minuti dopo l’inizio del turno. Per quello siamo andati in Supersoft".

Celebrations on the pit wall as Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W09, takes pole
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W09
Toto Wolff, Mercedes AMG F1 Director of Motorsport, on the pit wall
Toto Wolff, Mercedes AMG F1 Director of Motorsport, celebrates pole for Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, festeggia con il team e lo champagne
Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1 W09 EQ Power+

Nel consueto ‘debrief’ post-gara, il responsabile delle strategie della Mercedes, James Vowles, ha confermato che il ritmo tenuto da Lewis Hamilton e Valtteri Bottas nel secondo stint del Gran Premio del Giappone è stato in modalità…conservativa.

La gara di Suzuka ha confermato l’ottimo potenziale velocistico della Mercedes, ma anche nel team campione del Mondo c’era il timore di poter accusare problemi di gomme che avrebbero potuto favorire la Red Bull.“Abbiamo visto nelle prove del venerdì che Ricciardo aveva un buon passo con le soft – ha confermato Vowles - con un posteriore con più carico e molto stabile, ed in gara ne abbiamo avuto la conferma".

"In alcuni momenti avrebbero potuto diventare una minaccia, e come avete visto, abbiamo chiamato ai box prima Valtteri proprio per proteggerlo da un potenziale undercut di Verstappen. Sapevamo di non poterci permettere problemi con le gomme, allora nel secondo stint ci siamo assicurati, sia con Lewis che con Valtteri, di gestire il gap su Max senza spingere al massimo del potenziale, semplicemente mantenendo il margine di sicurezza, cosa che Valtteri ha fatto molto, molto bene. In certi momenti Verstappen si è avvicinato, ma Valtteri ha potuto sempre allungare mettendo la Red Bull fuori dalla zona DRS”.

Vowles ha poi spiegato i motivi che hanno portato la Mercedes ad utilizzare la mescola soft nella sessione Q2 in qualifica: “Sapevamo che domenica sarebbe stato molto, molto caldo, e c’era un certo timore sul fronte del blister. Abbiamo dato per scontato che in gara sarebbero state usate le soft, in ogni caso, quindi la scelta era tra la mescola da utilizzare nel secondo stint, ovvero media o supersoft".

"Con le temperature più alte abbiamo ritenuto che la media fosse la scelta migliore, e a quel punto ne è conseguito l’affrontare la Q2 con le soft. Qualora la performance non fosse stata buona, c’era comunque il piano ‘B’, ovvero tornare ai box, montare la supersoft e tornare in pista, ma non è stato necessario perché di fatto abbiamo concluso un solo ‘run’, a causa della pioggia che è iniziata a cadere a metà sessione Q2”.

Infine Vowles ha rivelato come il box Mercedes abbia vissuto un momento chiave del weekend di Suzuka, ovvero i minuti che hanno preceduto il via della sessione Q3 di sabato, con il grande punto interrogativo in merito alla scelta degli pneumatici.
“C’erano già stati degli scrosci di pioggia ad intermittenza nella Q2 – ha chiarito - insieme però ad un forte vento che contribuiva ad asciugare velocemente la pista. Abbiamo pensato che fossero condizioni da intermedie, e fino a 90 secondi dall’uscita dai box abbiamo più volte cambiato idea passando da slick ed intermedie e viceversa".

"A fare la differenza sono stati gli ultimi aggiornamenti meteo dal muretto-box, che ci hanno confermato con alta probabilità l’arrivo della pioggia otto minuti dopo l’inizio della sessione. Un dato cruciale, e considerando che in quel momento la pista era di fatto asciutta, alla fine è stato deciso di provare con le supersoft, ed è andata molto bene”.

Articolo successivo
Hamilton vorrebbe le gomme ribassate nel 2019, ma Pirelli le userà solo come nel 2018?

Articolo precedente

Hamilton vorrebbe le gomme ribassate nel 2019, ma Pirelli le userà solo come nel 2018?

Articolo successivo

La Red Bull vieta a Verstappen un test con la MotoGP: "E' troppo pericoloso"

La Red Bull vieta a Verstappen un test con la MotoGP: "E' troppo pericoloso"
Carica i commenti