Mercedes: de Vries affianca Vandoorne come pilota di riserva

Il pilota olandese è stato promosso come pilota di riserva al fianco del compagno di team in Formula E ed ha preso il posto di Esteban Gutierrez. Il messicano è stato scartato per via della superlicenza scaduta.

Mercedes: de Vries affianca Vandoorne come pilota di riserva

Dopo aver vinto l’E-Prix inaugurale di Diriyah, per Nyck de Vries è arrivata un’altra bella notizia. Il campione 2019 della Formula 2 è stato infatti nominato da Mercedes come pilota di riserva insieme a Stoffel Vandoorne.

In precedenza il team sette volte campione del mondo poteva contare sull’ex pilota McLaren e su Esteban Gutierrez per ricoprire questo ruolo, ma in occasione della presentazione della W12 è stato deciso di promuovere de Vries al posto del messicano.

“Abbiamo una coppia di piloti di riserva molto forte per la stagione 2021. Stoffel Vandorne proseguirà nel suo ruolo e sarà affiancato dal suo compagno di team in Formula E Nyck de Vreis” si legge nel comunicato stampa rilasciato dalla scuderia diretta da Toto Wolff.

Per l’olandese questo è il primo ruolo ufficiale in Formula 1 dato che in precedenza ha svolto il compito di pilota di sviluppo per la McLaren quando ancora faceva parte della young driver academy per il team di Woking.

De Vries ha già avuto modo di mettersi al volante della Mercedes W11 in occasione degli scorsi test dedicati ai giovani piloti andati in scena ad Abu Dhabi subito dopo la fine del campionato 2020.

La scelta di promuovere de Vries al posto di Gutierrez è dipesa anche dal fatto che la superlicenza del pilota messicano sia scaduta e questo gli impedisce di correre in Formula 1 qualora si presentasse l’opportunità.

Già lo scorso anno il nome del messicano era circolato quando la Racing Point si è vista costretta a sostituire Sergio Perez in occasione del Gran Premio di Silverstone. L’ex pilota della Haas, però, non è stato alla fine scelto perché avrebbe dovuto completare un test di 300 Km per ottenere daccapo la superlicenza.

De Vries, al contrario, ha sempre guadagnato i punti necessari per correre in Formula 1 sin dal 2016 e nel 2019 è riuscito ad ottenere in un sol colpo tutti quelli richiesti dopo la conquista del titolo in Formula 2.

 

condividi
commenti
F1: la Williams presenta la FW43B in realtà aumentata
Articolo precedente

F1: la Williams presenta la FW43B in realtà aumentata

Articolo successivo

Podcast: 2013, come Lauda cambiò il nuovo corso Mercedes

Podcast: 2013, come Lauda cambiò il nuovo corso Mercedes
Carica i commenti