Mercato F1: fra Alpine e Ocon rinnovo in vista

La squadra francese ha iniziato le trattative mirate a rinnovare il contratto con Esteban Ocon per due stagioni. È il primo colpo a sorpresa del mercato piloti 2021, che premia l’ottimo inizio di stagione del pilota transalpino nel diretto confronto con Fernando Alonso.

Mercato F1: fra Alpine e Ocon rinnovo in vista

Il salto di qualità confermato nelle prime tappe del Mondiale 2021 da Esteban Ocon non è passato inosservato. Alla vigilia della stagione il ventiquattrenne pilota francese era considerato la prossima ‘vittima’ di Fernando Alonso, il cui curriculum in termini di ‘team mate killer’ è noto a tutti coloro che seguono la Formula 1.

Ma, un po' a sorpresa, Ocon sta traendo benefici non indifferenti dalla convivenza con Alonso, ad iniziare dalla caratura che hanno assunto i suoi risultati proprio nel confronto diretto con il due volte campione del Mondo.

I primi ad essere soddisfatti del rendimento che sta garantendo il pilota francese sono i dirigenti dell'Alpine, e non sorprende che nell’arco di due mesi il principale candidato al sedile di Ocon (che ad inizio anno era dato in partenza al termine del contratto biennale in scadenza) sia diventato… lo stesso Ocon.

L'Alpine, secondo informazioni emerse nel paddock di Monte Carlo, ha presentato ad Esteban un’offerta di rinnovo che dovrebbe essere su base biennale. Mancano ovviamente le firme, ma diversi addetti ai lavori danno l’accordo come molto probabile.

Un colpo importante, quello che può essere messo a segno da Ocon, che andrebbe a sigillare uno dei sedili più ambiti del mercato piloti 2021.

Le indiscrezioni di inizio stagione avevano indicato come potenziali candidati al sedile Alpine dei nomi di peso, come quello di Valtteri Bottas (qualora Mercedes dovesse confermare la scelta George Russell) e Pierre Gasly, se il francese deciderà di uscire dall’orbita Red Bull.

In pochi avevano messo in preventivo la possibilità che Ocon sarebbe stato in grado di meritare sul campo la riconferma, e questa variabile non prevista potrebbe rivelarsi cruciale nella definizione dello scacchiere team/piloti 2022.

condividi
commenti
Leclerc: "Non siamo da podio, ma da terza forza sì"
Articolo precedente

Leclerc: "Non siamo da podio, ma da terza forza sì"

Articolo successivo

Podcast: Lauda e la Ferrari, il primo amore non si scorda mai

Podcast: Lauda e la Ferrari, il primo amore non si scorda mai
Carica i commenti