McLaren, Zak Brown spiega i ruoli di de Ferran, Stella e Roberts, sostituti del dimissionario Boullier

condividi
commenti
McLaren, Zak Brown spiega i ruoli di de Ferran, Stella e Roberts, sostituti del dimissionario Boullier
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
04 lug 2018, 14:21

L'amministratore delegato della McLaren ha affidato a tre persone i ruoli che prima ricopriva Eric Boullier, il quale ha dato le dimissioni dal proprio ruolo in McLaren questa mattina.

Il 4 luglio 2018 non sarà ricordato solo come un semplice Independence Day per gli Stati Uniti, ma anche come il primo passo di una profonda rifondazione nei ruoli strategici e più importanti del team McLaren di Formula 1.

Il primo a fare le spese di questa rivoluzione è stato Eric Boullier, anche se a tutti gli effetti - in via ufficiale - è stato lui a dare le dimissione da race director del team di Woking.

Così l'amministratore delegato del team Zak Brown ha preso decisioni drastiche, affermando di aver semplificato la struttura McLaren assegnando a tre persone differenti i compiti che sino a questa mattina sono stati dell'ex team principal della Lotus.

Stiamo parlando di Andrea Stella, nuovo performance director e responsabile delle operazioni in pista; di Gil de Ferran, nuovo direttore sportivo e Simon Roberts, che è divenuto direttore operativo del team.

"Andrea Stella, nuovo performance director del team e responsabile delle operazioni in pista, avrà il compito di massimizzare le prestazioni del team nel corso del fine settimana. Lo farà nelle poche gare in cui sarò assente e manterrà lo stesso ruolo quando io ci sarò", ha detto Brown a Motorsport.com, parlando dell'ex ingegnere di pista di Fernando Alonso.

Leggi anche:

Per quanto riguarda Gil de Ferran, nuovo direttore sportivo della McLaren, Brown racconta di come sia stato ingeggiato per motivi ben differenti, ma che poi le circostanze lo hanno indicato come uomo capace di occupare questo nuovo ruolo che inizia a ricoprire con effetto immediato.

"Gil de Ferran lo abbiamo ingaggiato pochi mesi fa. Avevamo bisogno di una persona di grande esperienza sportiva che potesse ottenere il massimo dai nostri piloti, dai nostri ingegneri. Una persona con occhi che venivano al di fuori del team, che fosse capace di individuare gli errori. Non era nei piani averlo nel ruolo odierno".

"Abbiamo così individuato un settore in cui abbiamo pensato potesse dare il suo meglio, contribuire nel migliore dei modi, dunque gli abbiamo affidato il ruolo di direttore sportivo. Ma non era certo quello il ruolo per cui lo avevamo chiamato".

Zak Brown ha infine parlato di Simon Roberts, che avrà un ruolo molto importante perché dovrà cercare di migliorare la produzione, l'ingegneria e la ligostica del team, ossia le aree ritenute da Brown come il vero tallone d'Achille del team di Woking, che lo hanno portato a sprofondare dal punto di vista delle prestazioni e dei risultati.

"Abbiamo iniziato a semplificare l'organizzazione, ad accelerarla, perché penso che la nostra struttura e il modo di lavorare siano ciò che ci hanno portato alla condizione in cui imperversa attualmente il team. Dunque il responsabile che dovrà riferire a me tutto ciò che riguarda l'organizzazione sarà Simon Roberts, il nuovo direttore operativo di McLaren Racing, chiamato a supervisionare i reparti di produzione, ingegneria e logistica".

Informazioni aggiuntive di Jonathan Noble

Articolo successivo
Wolff: "Sul volante-computer i piloti fanno una cinquantina di regolazioni al giro!"

Articolo precedente

Wolff: "Sul volante-computer i piloti fanno una cinquantina di regolazioni al giro!"

Articolo successivo

Lowe, schiaffo alla McLaren: "Ci sono team con poca umiltà, che incolpano tutti tranne che se stessi"

Lowe, schiaffo alla McLaren: "Ci sono team con poca umiltà, che incolpano tutti tranne che se stessi"
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP di Gran Bretagna
Location Silverstone
Autore Giacomo Rauli