McLaren: Ricciardo, Norris e la "scatola dei segreti"

Andrea Stella, responsabile degli ingegneri della McLaren, ha spiegato che la relazione tra Carlos Sainz e Lando Norris aveva incoraggiato entrambi ad aprire la loro "scatola dei segreti" e a condividere le informazioni.

McLaren: Ricciardo, Norris e la "scatola dei segreti"

Stella spera che Norris possa creare una collaborazione proficua anche con il nuovo arrivato Daniel Ricciardo, anche se è consapevole che inevitabilmente non potrà essere identica e che dovrà essere gestita diversamente.

Sainz e Norris sono stati compagni di squadra per due stagioni, nel 2019 e nel 2020, e hanno formato rapidamente un legame forte, nonostante la differenza di età e di esperienza. Hanno aiutato la squadra di Woking a salire dal sesto al quarto posto nel Costruttori, centrando poi l'impresa del terzo posto nel 2020.

"Carlos e Lando sono stati eccellenti quest'anno", ha detto Stella in un'intervista pubblicata sul sito della squadra. "Il livello di collaborazione tra i due è stato incredibilmente alto".

"E' uno dei motivi per cui sono stati equilibrati anche i loro risultati in pista. Quando c'è un dialogo aperto e trasparente tra i compagni di squadra, questo migliora le prestazioni, perché possono fare un controllo incrociato ed individuare rapidamente i punti deboli della vettura o trovare un approccio migliore ad una curva".

Leggi anche:

"Questo è stato possibile grazie alle qualità personali di Carlos e Lando e, spero, all'ambiente che abbiamo costruito all'interno della squadra, che incoraggia l'apertura e la fiducia".

"Significa che i piloti si sentono a loro agio ad aprire la 'scatola dei segreti', piuttosto che tenerla chiusa per non dare alcun vantaggio al proprio compagno di squadra".

Parlando dell'impatto che potrebbe avere l'arrivo di Ricciardo, Stella ha detto: "Ha dimostrato di essere uno dei migliori in circolazione".

"La cosa più importante dal mio punto di vista è mantenere le condizioni che abbiamo creato e che ci hanno permesso questo alto livello di collaborazione tra Carlos e Lando".

"Ma non si tratta solo di preservare quelle condizioni, forse dovremmo adattarle. Daniel non è Carlos e il suo rapporto con Lando sarà diverso".

"Può essere simile, ma non sarà lo stesso, quindi dobbiamo tenerne conto ed adattarci per mantenere gli standard".

Key: "Ricciardo sarà un grande punto di riferimento"

Il direttore tecnico, James Key, si aspetta che Ricciardo sia crescito molto rispetto a quando i due si erano incrociati alla Toro Rosso, all'inizio della carriera in Formula 1 dell'australiano.

"E' un pilota eccellente con cui lavorare", ha detto Key. "Avrà accumulato molta esperienza e conoscenza dall'ultima volta che ho lavorato con lui, quindi mi aspetto che sia molto più avanti di quanto non fosse allora in termini di ciò che potrà portare alla squadra".

"Arriva da vincitore di GP già comprovato e come un pilota che è in grado di tenere testa ai migliori. Daniel è molto facile da gestire, ma è molto determinato e questo ha un effetto positivo su qualsiasi squadra".

"Sarà un grande punto di riferimento per noi e, insieme a Lando, formerà una delle coppie più forti del paddock".

condividi
commenti
Kvyat: "In un top team? Ora sarebbe un'altra storia"
Articolo precedente

Kvyat: "In un top team? Ora sarebbe un'altra storia"

Articolo successivo

Honda: la scarsa lungimiranza dietro l’addio alla Formula 1

Honda: la scarsa lungimiranza dietro l’addio alla Formula 1
Carica i commenti