McLaren: la maturazione di Norris oscurerà la stella Ricciardo?
Prime

McLaren: la maturazione di Norris oscurerà la stella Ricciardo?

Di:
, (WRC editor - Head of PRIME)

Lando Norris si è segnalato come la sorpresa più bella dell'inizio del Mondiale 2021 di Formula 1. Il quarto posto di Sakhir e il podio di Imola sono segnali di un pilota in grande ascesa, che potrebbe mettere in difficoltà la stella Ricciardo. Ma dovrà essere più costante del 2020...

Nell'ultimo baluardo emiliano prima dell'inizio della ridente terra romagnola fatta di promettenti salitelle e dolci declivi delle colline imolesi, Lando Norris ha prima solcato l'asfalto bagnato dell'Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola con la maestria di un capitano di vascello navigato e temerario. Poi, non pago delle imprese sull'elemento liquido che per eccellenza rende le corse più complicate e incerte, ha sfoderato un passo gara secondo solo a chi lo ha preceduto sotto la bandiera a scacchi del Gran Premio dell'Emilia Romagna, ovvero gli imprendibili Max Verstappen e Lewis Hamilton. I quali, va detto, hanno fatto e probabilmente faranno un campionato a parte da qui al mese di dicembre, giocandosi il titolo iridato Piloti 2021.

Un Norris in versione "Pirati dei Caraibi", in un luogo che di caraibico ha nulla, se non il fascino che rimanda a tempi antichi, in cui su quella striscia di asfalto avvennero vittorie strepitose, duelli mozzafiato e tragedie che hanno cambiato per sempre la Formula 1 e la percezione che tutti avevano e hanno di essa. Una gara matura, veloce, coraggiosa. A tratti irresistibile, quella del britannico della McLaren, che ha attirato gran parte dei riflettori su di sé in una corsa resa luminosa da tanti, tantissimi avvenimenti. Ma andiamo con ordine.

condividi
commenti

Hamilton: "Max ha una macchina che può vincere il mondiale"

Lewis spiega che non attua alcuna forma di guerra psicologica su Verstappen: "Mio padre diceva sempre di parlare in pista, ed è questa la mia visione, è questo ciò che faccio”. Ma l'inglese poi è abilissimo nell'elogiare l'olandese per mettergli della pressione addosso. Invita tutti a lasciare in pace Bottas e non teme la fuga dei cinque motoristi alla Red Bull: "Siamo una squadra enorme, che va oltre il singolo individuo o cinque persone, si tratta di un collettivo".

Leclerc: "Non avremo gli stessi problemi di Portimao"

Il monegasco fa un'analisi cruda del weekend scorso in Portogallo: "“Ho avuto delle difficoltà nelle prove libere e in qualifica. In gara sono riuscito a guidare come volevo, ma purtroppo c’è ancora qualcosa che ci sfugge in merito all’utilizzo delle gomme medie". Charles è sicuro che il problema non si ripeterà a Barcellona.

Verstappen: "Serve una soluzione per i track limits"

Il pilota olandese, che a Barcellona festeggia i 100 Gran Premi in Red Bull, è tornato sull'argomento più controverso degli ultimi appuntamenti, chiedendo alla Formula 1 uno sforzo per rendere i track limits più chiari.

Sainz: "Mi piacerebbe togliere l'ultima chicane di Barcellona"

Lo spagnolo è spiaciuto di fare il suo debutto da ferrarista sul Circuit de Catalunya senza il pubblico. Carlos ha già cancellato la delusione di domenica scorsa e guarda avanti. Al madrileno piacerebbe disegnare una nuova pista per la capitale iberica: "Quando andavo a scuola disegnavo in continuazione tracciati sui quaderni". E sul circuito catalano aspetta con curiosità la nuova curva 10 e auspicherebbe l'abolizione della variante prima dell'ultima curva.

Ferrari: ecco l'ala posteriore da alto carico

La squadra del Cavallino introduce a Barcellona un'ala posteriore da massimo carico che era stata finalizzata per il GP di Monaco. La SF21 adotta anche la T-wing doppia, mentre la Red Bull punta su una soluzione parecchio più scarica, contando sulla downforce prodotta dal corpo vettura della RB16B.

Bottas smentisce uno scambio con Russell: "Solo un team lo fa"

Valtteri Bottas ha rispedito al mittente le voci secondo cui la Mercedes potrebbe sostituirlo durante la stagione 2021, definendole "str******" e dicendo: "Solo una squadra lo fa".

Ferrari: cestelli dei freni anteriori asimmetrici sulla SF21

La squadra del Cavallino cerca di risolvere i problemi di usura alle gomme riscontrati in Portogallo la scorsa settimana utilizzando due cestelli dei freni anteriori di disegno completamente diversi.

Binotto: "Il motore ci rende fragili nei confronti diretti"

Il team principal Ferrari ha rilasciato un'intervista ad Auto Motor und Sport nella quale ha parlato molto di power unit. E' soddisfatto dei risultati conseguiti in questo avvio di stagione dalla SF21, ma ammette che "...manca ancora un po' di potenza sul fronte motore, anche se abbiamo fatto ottimi progressi. Mattia contrario alla ricerca dell'allineamento delle potenze: "Ci sono differenze di soli due decimi fra i propulsori".

Podcast: Estoril '85, la prima magia iridata di Senna

Articolo precedente

Podcast: Estoril '85, la prima magia iridata di Senna

Articolo successivo

Wolff: "L'obiettivo eravamo noi, Aston paga un danno collaterale?"

Wolff: "L'obiettivo eravamo noi, Aston paga un danno collaterale?"
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP dell'Emilia Romagna
Sotto-evento Gara
Piloti Lando Norris
Team McLaren
Autore Giacomo Rauli