McLaren: il dipendente infetto da Coronavirus sta meglio

Andrea Stella è rimasto a Melbourne per supportare i 14 membri del team in quarantena. La persona positiva al Coronavirus non presenta più alcun sintomo.

McLaren: il dipendente infetto da Coronavirus sta meglio

Arrivano alcune buone notizie da casa McLaren a pochi giorni dalla decisione dei vertici del team di ritirarsi dal Gran Premio d'Australia - poi annullato - in seguito alla positività al coronavirus di un membro del team che si trovava già a Melbourne.

Il team di Woking ha fatto sapere il membro della squadra, confinato in quarantena a Melbourne, sta recuperando bene e i sintomi sono svaniti.

Leggi anche:

Oltre alla persona a cui è stata accertata la positività da coronavirus dopo aver effettuato il tampone, in Australia sono rimaste in quarantena a Melbourne altre 13 persone della McLaren.

Zak Brown, amministratore delegato della McLaren, ha fatto sapere che il personale "è di buon umore". Per supportare il personale in quarantena è rimasto in Australia Andrea Stella, racing director della McLaren, che ha così fatto un bel gesto e un sacrificio personale per star vicino alla persona infetta e a quelle che dovranno restare isolate per 2 settimane.

Oltre a Stella, anche Andreas Seidl, team principal della McLaren, è rimasto per diversi giorni a Melbourne per supportare i membri del team che dovranno ancora rimanere in Australia per poco meno di 2 settimane.

"Questa non è una situazione facile. Voglio ringraziare soprattutto il nostro racing director Andrea Stella e i suoi ragazzi, che volontariamente sono rimasti in Australia per supportare in ragazzi in quarantena".

"Quando parlo dei membri del nostro team, ringrazio anche i nostri grandi piloti, Carlo e Lando, che sono rimasti legati ai loro compagni di squadra. Dobbiamo tenerli lontani dal resto del team, anche se stanno entrambi bene. Ma con loro siamo in contatto costante".

Il resto del team ha già fatto ritorno nel Regno Unito, ma per misure precauzionali adottate dalla McLaren stessa nessuno ha potuto rientrare al quartier generale della squadra.

Andreas Seidl, Team Principal, McLaren
Andreas Seidl, Team Principal, McLaren
1/11

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Zak Brown, Executive Director, McLaren firma autografi ai fan
Zak Brown, Executive Director, McLaren firma autografi ai fan
2/11

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Carlos Sainz Jr., McLaren
Carlos Sainz Jr., McLaren
3/11

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Carlos Sainz Jr., McLaren
Carlos Sainz Jr., McLaren
4/11

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Carlos Sainz Jr., McLaren
Carlos Sainz Jr., McLaren
5/11

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Zak Brown, Direttore Esecutivo, McLaren firma autografi ai fan
Zak Brown, Direttore Esecutivo, McLaren firma autografi ai fan
6/11

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Box della McLaren
Box della McLaren
7/11

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Distributore di disinfettante per le mani fuori dall'area di ospitalità McLaren vuota nel paddock
Distributore di disinfettante per le mani fuori dall'area di ospitalità McLaren vuota nel paddock
8/11

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Fuori dall'area hospitality McLaren
Fuori dall'area hospitality McLaren
9/11

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Stand della McLaren nel pit wall
Stand della McLaren nel pit wall
10/11

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Imballaggio delle casse fuori dal garage della McLaren nel paddock
Imballaggio delle casse fuori dal garage della McLaren nel paddock
11/11

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

condividi
commenti
Austin taglia il personale, ma c'è fiducia per la F1
Articolo precedente

Austin taglia il personale, ma c'è fiducia per la F1

Articolo successivo

Vettel esclusivo/2: "Il mio obiettivo? Vincere con Ferrari"

Vettel esclusivo/2: "Il mio obiettivo? Vincere con Ferrari"
Carica i commenti