McLaren: 10 mila euro di multa per l'uscita pericolosa di Vandoorne dal pit

condividi
commenti
McLaren: 10 mila euro di multa per l'uscita pericolosa di Vandoorne dal pit
Franco Nugnes
Di: Franco Nugnes
29 giu 2018, 12:42

La squadra di Woking è stata sanzionata dal collegio dei commissari sportivi del GP d'Austria con una multa pesante perché il pilota belga è entrato pericolosamente nella corsia di accelerazione dei box, mentre arrivava la Ferrari di Vettel

Stoffel Vandoorne, McLaren MCL33, solleva scintille
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W09, precede Stoffel Vandoorne, McLaren MCL33
Stoffel Vandoorne, McLaren

Non è un momento positivo per la McLaren. La MCL33 delude per le pessime prestazioni, Fernando Alonso si prepara a lasciare la F1 per approdare alla F. Indy e il team commette dei gravi errori anche nella conduzione del box. Stoffel Vandoorne nel corso della prima sessione di prove libere del GP d'Austria è stato invitato a riprendere la corsia di accelerazione dei box mentre stava arrivando la Ferrari di Sebstian Vettel.

Il tedesco è stato abile a evitare un contatto in pit lane con una brusca frenata della sua SF71H, mentre l'inconsapevole belga si è parato davanti alla Rossa con una manovra ordinata dal muretto. Con il provvedimento n.12 il collegio dei commissari sportivi, del quale fa parte l'ex pilota Derek Warwick, la McLaren è stata giustamente sanzionato con una multa di 10 mila euro per avere infranto l'articolo 28.13 a) del Regolamento Sportivo di F1. La squadra ha ammesso la propria colpa assumendosi tutta la responsabilità e ha rinunciato alla possibilità di presentare un appello al provvedimento.

Quando si dice che piove sul... bagnato!

Articolo successivo
McLaren: sulla nuova ala anteriore sono stati stravolti tutti i concetti precedenti

Articolo precedente

McLaren: sulla nuova ala anteriore sono stati stravolti tutti i concetti precedenti

Articolo successivo

Red Bull Ring, Libere 2: le Mercedes sono davanti, ma la Ferrari è più vicina

Red Bull Ring, Libere 2: le Mercedes sono davanti, ma la Ferrari è più vicina
Carica i commenti