Massa: voglio vincere dei Gp e lottare per il titolo

Massa: voglio vincere dei Gp e lottare per il titolo

Il pilota brasiliano ha chiesto garanzie alla squadra e non vuole ridursi a secondo

Luca di Montezemolo nella presentazione ha detto che non sarà “il fratello di Felipe Massa a guidare la F150 come è accaduto nella seconda parte della scorsa stagione”. Il pilota brasiliano è arrivato a Maranello molto determinato, nella consapevolezza che deve cancellare un 2010 difficile... “Corro in una squadra con la voglia di vincere due mondiali. Mi fido al cento per cento della squadra che sarà impagnata a mettere in pista due monoposto perfettamete uguali. Il mio obiettivo è vincere più gare possibili, per aggiudicarmi anche il campionato”. Massa è molto motivato e non sembra disposto ad accettare un ruolo da secondo... “Ho avuto le mie garanzie dalla squadra, sono molto tranquillo”. E allora parliamo della F150: con il muso più alto avete cambiato la posizione di guida? “ Sì, abbbiamo dovuto cambiare il sedile per avere una migliore visibilità. Per ora sono solo impressioni frutto di prove statiche, vedremo in pista”. Ci sarà collaborazione con Alonso? “Siamo una squadrave e dobbiamo far evolvere la macchina il più in fretta possibile. È importante capire quali indicazioni dà il compagno sul comportamento della macchina per capire in quale direzione va il lavoro: lavoriamo bene insiene”. Preoccupano i pulsanti in più sul volante? “Non piacciono a nessuno. Abbiamo sempre più cose da fare nell'abitacolo e dobbiamo anche concentraci sulla guida. Pensando al futuro bisognerà trovare dei sistemi più intelligenti: l'obiettivo è fare i sorpassi, più che azionare dei pulsanti...” Sembri in perfetta forma... “La cosa positiva per me è che nell'inverno posso restare in Brasile dove fa caldo ed è più facile seguire una buona preparazione fisica. Sono riuscito a fare delle settimane piene di lavoro. Con il ritorno del kers ogni mezzo chilo sulla macchina può essere importante per raggiungere le prestazioni. Anche se sono fra i piloti più leggeri, ho cercato di controllare il peso”. Le nuove gomme saranno più favorevoli al tuo stile di guida? “Spero proprio sì, l'anno scorso ho sofferto molto con le gomme, mentre il primo approccio con le Pirelli è stato molto positivo per me. Ho trovato più facilmente gli automatismi nella guida. Spero che anche la macchina possa essere competitiva dalla prima gara all'ultima”. Cosa cambia con le gomme Pirelli? “Dal 2009 al 2010 la Bridgestone ha modificato le gomme anteriori. Avevamo più sottosterzo e le mescole erano più dure: io ho dovuto cambiare l'assetto della macchina per far funzionare l'anteriore e mandare le coperture in temperatura nel primo giro. Il risultato è stato che poi andava in crisi il posteriore. La Pirelli, invece, ripropone delle coperture con più grip sull'anteriore che è più adatto al mio stile di guida”.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Articolo di tipo Ultime notizie