Massa: "L'obbligo della Ferrari di vincere è un grande problema per il team di Maranello"

condividi
commenti
Massa:
Di:
Co-autore: Gabriel Lima/Motorsport
Tradotto da: Marco Di Marco
03 feb 2019, 13:45

L'ex pilota della Ferrari ha accolto con favore il passaggio di Mattia Binotto nel ruolo di team principal, ma ha affermato come la costante pressione sulla Scuderia per tornare alla vittoria costituisca un grande problema.

Podium: race winner Michael Schumacher, Ferrari, third place Felipe Massa, Ferrari
Felipe Massa, Ferrari, giro dimostrativo al Legends F1 30esimo Anniversario
Felipe Massa, fa un giro dimostrativo con una Ferrari F1
Felipe Massa, Ferrari, giro dimostrativo durante il Legends F1 30esimo anniversario
Felipe Massa, Ferrari F2008
Felipe Massa, Ferrari F2007
Felipe Massa, Ferrari

Massa, che ha trascorso otto stagioni in Ferrari conquistando 11 successi, ha dichiarato come la Ferrari abbia svolto un grande lavoro nel realizzare per due anni consecutivi due vetture in grado di sfidare la Mercedes nel mondiale.

Tuttavia, in una intervista rilasciata dal pilota brasiliano a Motorsport.com, ha anche affermato come le cose siano diventate difficili in Ferrari a seguito della cultura che si è sviluppata dopo l’addio di Jean Todt nel 2017.

Mattia Binotto ha preso il posto di Maurizio Arrivabene come team principale per il 2019 e sarà il quarto differente direttore della Scuderia in 11 anni.

“All’interno della Ferrari molte cose accadono in modo difficile a causa della pressione”.

“La sentono molto. All’interno del team è stato sempre così. Ci sono stati anni in cui si è avvertita meno perché riuscivano ad ottenere più successi, come all’epoca di Todt”.

“Jean era una persona dotata di grande comando in ogni area del team. Era in grado di far collaborare i differenti reparti senza alcun tipo di pressione. Dopo di lui le cose si sono sviluppate in maniera differente”.

“La Ferrari adesso sente la pressione e l’obbligo di vincere, e questo è un problema”.

Secondo Massa, il nuovo team principal della Scuderia gestirà meglio la pressione rispetto ad Arrivabene anche se per lui sarà la prima esperienza in questa posizione.

“Binotto è una persona molto calma ed ha la capacità di lavorare in modo tranquillo, ma adesso si trova ad affrontare una nuova sfida. Non è mai stato team principal prima”.

“Dobbiamo capire come lavorerà. Sarà il boss della squadra, ma continuerà a dirigere anche il reparto tecnico. Sinceramente credo che questa cosa sia positiva. Gli auguro il meglio, ci conosciamo sin da quando sono arrivato in Ferrari”.

Dopo che sia il team che Vettel hanno compiuto quelli che Massa definisce “numerosi errori” nel 2018, la Ferrari affronterà la stagione 2019 con la stella nascente Charles Leclerc al posto di Kimi Raikkonen.

“Il team ha una struttura tecnica competitiva e due ottimi piloti. Per me quello che la Ferrari sta facendo con Leclerc è corretto. Questo ragazzo potrà diventare un super campione nel futuro e spero che questo futuro sia molto vicino”.

Articolo successivo
Budkowski: "La presenza di Ricciardo servirà a Hulkenberg per dimostrare il proprio valore"

Articolo precedente

Budkowski: "La presenza di Ricciardo servirà a Hulkenberg per dimostrare il proprio valore"

Articolo successivo

Alonso: "Al posto di Vettel avrei vinto? Impossibile da dire, Seb è un campione"

Alonso: "Al posto di Vettel avrei vinto? Impossibile da dire, Seb è un campione"
Carica i commenti