Leclerc: "Una delle mie migliori performance, escluso il crash"

Il monegasco ha concluso in settima posizione una gara in rimonta dopo il contatto con Gasly al primo giro che l'ha costretto ad una sosta già alla fine del primo giro. Leclerc ha parlato di una SF21 grandiosa.

Leclerc: "Una delle mie migliori performance, escluso il crash"

Il bicchiere è mezzo pieno o mezzo vuoto? È questa la domanda che sorge al  termine del GP di Stiria se si analizza la gara di Charles Leclerc.

Il pilota monegasco ha tagliato il traguardo in settima posizione, doppiato, dopo essere stato costretto ad una corsa in rimonta dal fondo a seguito del contatto iniziale con Pierre Gasly che ha messo subito fuori dai giochi un diretto rivale nel gruppo di mezzo ed obbligato il pilota della Rossa ad una sosta imprevista per sostituire l’ala danneggiata.

L’errore di Leclerc è stato netto. Charles ha totalmente sbagliato i calcoli e colpito con l’endplate destro la posteriore sinistra del portacolori della Toro Rosso che, ormai senza controllo, ha poi impattato contro un incolpevole Giovinazzi per poi rientrare ai box ed alzare bandiera bianca.

Leclerc, una volta montate gomme hard, è stato obbligato ad una strategia alternativa che l’ha visto a metà gara effettuare una seconda sosta per passare alle Pirelli medie. Il recupero di Charles sui piloti che lo precedevano è stato prodigioso ed ha amplificato l’amarezza per un errore grave che ha pesato enormemente sul risultato finale.

“E’ veramente un peccato quello che è successo nel primo giro. Se escludiamo quell’incidente credo che sia stata una delle mie migliori performance”.

Rispetto alla Ferrari disastrosa ed in crisi di gomme vista sette giorni fa in Francia, oggi la Rossa è apparsa decisamente diversa e gentile con ogni mescola. Lo stesso Leclerc ha sottolineato come la SF21 in Stiria sia sembrata una monoposto totalmente differente.

“Ad ogni modo devo dire che la vettura oggi era grandiosa. È stata una giornata molto positiva. Considerando cosa è accaduto al primo giro è stato molto difficile recuperare posizioni”.

Charles, che non ha smesso di ricordare il contatto con Gasly nel primo giro come fattore decisivo per questo settimo posto, ha poi voluto sottolineare ulteriormente come il passo gara visto oggi possa fare ben sperare in vista del prossimo appuntamento che si disputerà nuovamente al Red Bull Ring tra una settimana.

“La prestazione di oggi è stata molto bella, escludendo il contatto. Abbiamo fatto il massimo, colto ogni opportunità. Ho effettuato sorpassi aggressivi e sono stato rapido a sbarazzarmi degli altri. Il passo è stato buono ed il degrado è stato contenuto”.

Leclerc ha poi concluso il suo intervento rivolgendo un pensiero al grande lavoro che ha svolto il team in questo fine settimana. La scelta di sacrificare la qualifica con un assetto più carico si è rivelata determinante per preservare le coperture. Adesso, però, bisognerà trovare il giusto equilibrio per cercare di crescere non solo in gara, ma anche sul giro secco.

“Il team ha fatto un grande lavoro dietro le quinte. Il risultato di oggi è positivo e dimostra che la squadra sta lavorando sodo lontano dai riflettori. Oggi siamo andati meglio del previsto. Adesso analizzeremo i dati e cercheremo di ripetere queste performance in futuro”.

Charles Leclerc, Ferrari SF21

Charles Leclerc, Ferrari SF21
1/20

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF21

Charles Leclerc, Ferrari SF21
2/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF21

Charles Leclerc, Ferrari SF21
3/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF21

Charles Leclerc, Ferrari SF21
4/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF21

Charles Leclerc, Ferrari SF21
5/20

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF21

Charles Leclerc, Ferrari SF21
6/20

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari

Charles Leclerc, Ferrari
7/20

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF21

Charles Leclerc, Ferrari SF21
8/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF21, Sebastian Vettel, Aston Martin AMR21

Charles Leclerc, Ferrari SF21, Sebastian Vettel, Aston Martin AMR21
9/20

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF21

Charles Leclerc, Ferrari SF21
10/20

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF21

Charles Leclerc, Ferrari SF21
11/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF21

Charles Leclerc, Ferrari SF21
12/20

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Fernando Alonso, Alpine A521, Charles Leclerc, Ferrari SF21

Fernando Alonso, Alpine A521, Charles Leclerc, Ferrari SF21
13/20

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF21

Charles Leclerc, Ferrari SF21
14/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF21, Lando Norris, McLaren MCL35M

Charles Leclerc, Ferrari SF21, Lando Norris, McLaren MCL35M
15/20

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF21

Charles Leclerc, Ferrari SF21
16/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF21

Charles Leclerc, Ferrari SF21
17/20

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Daniel Ricciardo, McLaren MCL35M, Charles Leclerc, Ferrari SF21

Daniel Ricciardo, McLaren MCL35M, Charles Leclerc, Ferrari SF21
18/20

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF21, Daniel Ricciardo, McLaren MCL35M

Charles Leclerc, Ferrari SF21, Daniel Ricciardo, McLaren MCL35M
19/20

Foto di: Drew Gibson/LAT

Charles Leclerc, Ferrari SF21, pitstop

Charles Leclerc, Ferrari SF21, pitstop
20/20

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

condividi
commenti
Hamilton: "Impossibile tenere il passo di Max. Sto dando tutto"

Articolo precedente

Hamilton: "Impossibile tenere il passo di Max. Sto dando tutto"

Articolo successivo

Sainz: "Più competitivi che in Francia, ma non sappiamo perché"

Sainz: "Più competitivi che in Francia, ma non sappiamo perché"
Carica i commenti