Leclerc: "Senza il guasto avrei ottenuto la terza fila"

Le qualifiche di Leclerc sono state condizionate da un problema tecnico che ha afflitto la SF21 sin dal Q1. Charles ha ammesso che il guasto gli ha impedito di potersi esprimere al massimo e ottenere un risultato migliore.

Leclerc: "Senza il guasto avrei ottenuto la terza fila"

Non è stata una sessione di qualifiche semplice quella vissuta a Monza da Charles Leclerc. Sul circuito di casa per la Ferrari il monegasco ha faticato più del previsto, complice un inatteso problema al freno motoreche lo ha penalizzato eccessivamente.

Charles è riuscito ad entrare in Q3 qualificandosi con il nono tempo, ed è poi riuscito a migliorarsi nell’ultimo tentativo ottenendo però soltanto l'ottavo crono in 1’20’’510.

Leclerc dovrà così prendere il via della Sprint Qualifying dalla quarta fila, al fianco del compagno di team Carlos Sainz. Un risultato deludente? Certamente, anche se su una pista da alte velocità e basso carico nessuno si sarebbe immaginato un miracolo.

A complicare la situazione generale, come detto, ci si è messo anche un problema tecnico al motore che ha condizionato la qualifica di Leclerc sin dai primi minuti del Q1.

“Sicuramente l’incoveniente non mi ha aiutato, ma fare settimo ed ottavo su una pista che, sulla carta, non era favorevole alla Ferrari e con i problemi che abbiamo avuto, non è un cattivo risultato. Adesso speriamo in una buona Sprint Qualifying domani”.

Charles non ha voluto spiegare ai microfoni di Sky Sport F1 HD cosa non abbia funzionato sulla sua SF21, ed anche il suo muretto box ha preferito non rivelare il guasto in mondovisione durante la qualifica preferendo far rientrare Leclerc ai box e rivelare al pilota la causa del problema.

“Non è stato piacevole avere quel guasto, ma è andata così. Non voglio scendere nel dettaglio, ma c’è stato qualche problema. Dovremo controllare e cercare di risolvere il tutto”.

Sarebbe stato possibile ottenere un risultato migliore del settimo tempo senza il guasto tecnico? Leclerc si è detto certo che la terza fila sarebbe stata a portata di mano con una SF21 affidabile.

 “Il problema ci è costato la possibilità di partire più avanti. Mi sarebbe piaciuto partire in terza fila, ma oggi è andata così”.

Domani la F1 proporrà al pubblico la seconda Sprint Qualifying della sua storia e l’occasione potrebbe essere ghiotta per tutti quei piloti che oggi hanno faticato più del dovuto. Leclerc, però, ha spiegato come domani pomeriggio non vorrà correre alcun rischio eccessivo per recuperare posizioni, specie considerando quanto sia sembrata in palla la McLaren con Norris e Ricciardo.

“Non dovremo prendere rischi eccessivi nella Sprint Qualifying, anche considerando quanto sembra competitiva la McLaren questo weekend. Dobbiamo pensare a portare il massimo numero di punti a casa ed è quello che faremo”.

condividi
commenti
Inizia la partita a scacchi dei motori: il primo che paga è Bottas

Articolo precedente

Inizia la partita a scacchi dei motori: il primo che paga è Bottas

Articolo successivo

Sainz: "Più forti del 2020, ma questo non ci basta"

Sainz: "Più forti del 2020, ma questo non ci basta"
Carica i commenti