Leclerc: "Il 2020 è stata la mia miglior stagione in F1"

Nonostante abbia chiuso solamente ottavo in campionato, a causa di una Ferrari poco competitiva, Charles Leclerc ritiene che quella 2020 sia stata la sua miglior stagione in Formula 1.

Leclerc: "Il 2020 è stata la mia miglior stagione in F1"

Anche se la Ferrari ha vissuto la sua peggior stagione dal 1980, chiudendo solo sesta nel Costruttori, Leclerc è riuscito spesso a trascinare la SF1000 in cima al gruppo degli "altri", conquistando anche due podi.

Il monegasco si è classificato ottavo nel Mondiale Piloti, battendo in maniera vistosa il quattro volte campione del mondo Sebastian Vettel, portando a casa 98 punti contro i 33 del tedesco.

Leclerc, che lo scorso anno ha prolungato il suo contratto con la Ferrari fino al 2023, ha riconosciuto che il 2020 è stata una "stagione difficile" per la squadra di Maranello, ma l'ha anche considerato il suo anno migliore dal punto di vista personale.

"Credo che ci siano due lati della stagione per me", ha detto Leclerc. "Per me stesso, penso che sia stata la mia miglior stagione in F1. Quello che ho dimostrato in pista, sono molto contento della mia stagione".

"Ho corso dei rischi, che per la maggior parte delle volte sono andati bene, e ci hanno fatto guadagnare molti punti. In alcune occasioni, però, non è andata come volevo ed abbiamo perso dei punti".

"Ma credo che, d'altra parte, la stagione sia stata molto positiva dal punto di vista delle mie prestazioni. Per cui sono molto contento, e ora non vedo l'ora che arrivi l'anno prossimo per vedere quanto miglioreremo".

Leggi anche:

Leclerc si è detto orgoglioso di come la Ferrari ha gestito le avversità e spera che la squadra abbia imparato molte lezioni preziose dal disastro del 2020, iniziato quando a Maranello hanno scoperto fin dai test che la SF1000 non sarebbe stata competitiva.

"Dopo i test di Barcellona, credo che tutti noi sapessimo che qualcosa non andava bene", ha aggiunto Leclerc. "Penso che durante la stagione, anche se è stato molto difficile accettare la situazione dopo la prima gara, la realtà era evidente, ma noi siamo riusciti a lavorare duramente ed in modo costruttivo".

"E credo che da quel momento in poi siamo migliorati. Sono stati piccoli passi, ma come ho detto, i piccoli passi non sono sempre un dato di fatto in F1".

"Ora, per il futuro, penso che abbiamo imparato molto da questa stagione. E penso che torneremo ad essere più forti. Spero che l'anno prossimo potremo dimostrarlo in pista".

"Non so quanto sarà grande il passo che faremo l'anno prossimo, ma sono sicuro che lo faremo nella giusta direzione".

condividi
commenti
Hamilton: "Bottas non deve difendere le sue prestazioni 2020"
Articolo precedente

Hamilton: "Bottas non deve difendere le sue prestazioni 2020"

Articolo successivo

Ricciardo e la sua top 5 dei piloti di F1 2020

Ricciardo e la sua top 5 dei piloti di F1 2020
Carica i commenti