Formula 1
24 ott
-
27 ott
Evento concluso
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
Evento concluso
28 nov
-
01 dic
Evento concluso
12 mar
-
15 mar
Prossimo evento tra
88 giorni
G
GP del Bahrain
19 mar
-
22 mar
Prossimo evento tra
95 giorni
G
GP del Vietnam
02 apr
-
05 apr
Prossimo evento tra
109 giorni
G
GP della Cina
16 apr
-
19 apr
Prossimo evento tra
123 giorni
30 apr
-
03 mag
Prossimo evento tra
137 giorni
07 mag
-
10 mag
Prossimo evento tra
144 giorni
21 mag
-
24 mag
Prossimo evento tra
158 giorni
G
GP d'Azerbaijan
04 giu
-
07 giu
Prossimo evento tra
172 giorni
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
Prossimo evento tra
179 giorni
G
GP di Francia
25 giu
-
28 giu
Prossimo evento tra
193 giorni
02 lug
-
05 lug
Prossimo evento tra
200 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
Prossimo evento tra
214 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
Prossimo evento tra
228 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
Prossimo evento tra
256 giorni
03 set
-
06 set
Prossimo evento tra
263 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
Prossimo evento tra
277 giorni
24 set
-
27 set
Prossimo evento tra
284 giorni
G
GP del Giappone
08 ott
-
11 ott
Prossimo evento tra
298 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
312 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
319 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
333 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
Prossimo evento tra
347 giorni

Leclerc: "Ho fatto capire a Max che la pista non è solo sua"

condividi
commenti
Leclerc: "Ho fatto capire a Max che la pista non è solo sua"
Di:
14 lug 2019, 16:20

Il pilota della Ferrari centra il quarto podio consecutivo e si gode la sua gara più bella in Formula 1 grazie alla maggior libertà concessa dai commissari, soprattutto nel duello con Verstappen.

Charles Leclerc ormai si sta abituando a diventare una presenza fissa sul podio. Quello conquistato a Silverstone è stato il quarto consecutivo per il pilota della Ferrari, terzo anche in Canada ed in Francia e secondo in Austria.

Il Gran Premio di Gran Bretagna ha avuto diverse "sliding doors" per il monegasco. La prima è stata rappresentata dall'ingresso della Safety Car, con la Ferrari che ha tardato a reagire per il suo secondo pit stop, facendolo scivolare dal terzo al sesto posto.

Poi però ad aiutarlo è arrivato l'incidente tra il suo compagno Sebastian Vettel e Max Verstappen, che insieme al clamoroso sorpasso alla curva 3 ai danni di Pierre Gasly gli ha permesso di andare a riprendersi il gradino più basso del podio. 

Leggi anche:

Ai microfoni di Sky Sport F1 HD, infatti, il monegasco non ha voluto sentir parlare di alti e bassi: "Da dentro la macchina mi è sembrato che ci siano stati più up che down. L'unico down è stato quello della Safety Car, che però non è stato colpa mia o colpa di nessuno. Quella è sfortuna e può succedere che arriva la Safety Car nel momento sbagliato".

Anzi, ha parlato di una gara corsa tutta sul filo del rasoio, con i commissari che hanno interpretato di nuovo le regole come in Austria: "E' stata probabilmente la gara più divertente che ho corso in F1. Dopo l'Austria ho capito che potevo essere più aggressivo e che i commissari ci avrebbero lasciato un po' più di spazio con le regole. Quello mi è piaciuto e oggi ho provato ad essere più aggressivo: ha pagato e sono contento di essere qui sul podio".

 

E il momento clou della sua gara è stato il duello ruota a ruota con Verstappen, che è stato quasi un messaggio per il rivale della Red Bull: "Volevo solo fargli capire che la pista non è solo sua e che ci sono anche io. Sono contento che siano un paio di gara che lasciano lottare così, perché questo è quello che deve essere la Formula 1".

In molti hanno puntato il dito sull'errore strategico della Ferrari in occasione della Safety Car, ma secondo Charles c'è un altro aspetto su cui è più importante lavorare ed è la gestione delle gomme, perché per battere Mercedes e Red Bull è fondamentale allungarne la vita.

"Dall'esterno è difficile da capire, ma penso che la strategia fosse giusta. C'è sicuramente qualcosa su cui dobbiamo lavorare, ma è il passo gara, perché stiamo rovinando troppo le gomme rispetto alla Red Bull ed alla Mercedes. Dobbiamo allungare la vita delle gomme, perché i primi giri non sono stati male con le soft, ma dopo tre o quattro giri la Red Bull è arrivata con delle gomme molto più fresche di noi".

Scorrimento
Lista

Charles Leclerc, Ferrari, saluta i tifosi

Charles Leclerc, Ferrari, saluta i tifosi
1/15

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari SF90
2/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari SF90
3/15

Foto di: Dom Romney / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari

Charles Leclerc, Ferrari
4/15

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari SF90
5/15

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari SF90
6/15

Foto di: Gareth Harford / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari SF90
7/15

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari

Charles Leclerc, Ferrari
8/15

Foto di: Dom Romney / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari SF90
9/15

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari SF90
10/15

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari

Charles Leclerc, Ferrari
11/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari SF90
12/15

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari SF90
13/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90

Charles Leclerc, Ferrari SF90
14/15

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari, nell'abitacolo della sua monoposto

Charles Leclerc, Ferrari, nell'abitacolo della sua monoposto
15/15

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Articolo successivo
Mondiale Costruttori F1 2019: le Mercedes fanno il vuoto

Articolo precedente

Mondiale Costruttori F1 2019: le Mercedes fanno il vuoto

Articolo successivo

Binotto: "Anche la Red Bull ci sta mettendo alle corde"

Binotto: "Anche la Red Bull ci sta mettendo alle corde"
Carica i commenti