Leclerc: "Buon passo? Sì, ma avremmo dovuto essere davanti"

Il monegasco non è andato oltre il settimo tempo nelle Qualifiche del GP d'Ungheria, frenato dal vento e da un posteriore poco stabile della SF21. Eppure il quarto posto è distante appena 74 millesimi, un ulteriore rammarico per la Ferrari...

Leclerc: "Buon passo? Sì, ma avremmo dovuto essere davanti"

Non è andata nella maniera sperata. Ha sicuramente pensato questo Charles Leclerc al termine delle Qualifiche del Gran Premio di Ungheria, 11esimo appuntamento del Mondiale 2021 di Formula 1 svolte questo pomeriggio sul tracciato dell'Hungaroring.

Il pilota monegasco non è andato oltre il settimo tempo, ottenuto nella Q3. La vera beffa è arrivata non solo dal piazzamento in quarta fila nello schieramento di domani, ma dall'aver sfiorato la quinta posizione per appena 13 millesimi.

Ma non è tutto, perché analizzando meglio la tabella dei tempi delle prove ufficiali, è possibile notare come Charles sia andato molto vicino a cogliere addirittura la seconda fila. Sergio Perez, quarto al volante della seconda Red Bull RB16B, è staccato di 74 millesimi di secondo dalla Ferrari SF21 numero 16.

A rallentare Leclerc è stato soprattutto il vento, che in Q2 ha beffato all'ultima curva Carlos Sainz e nel corso dell'ultima parte di qualifiche ha costretto Charles a faticare per tenere in traiettoria la SF21. Il posteriore della Rossa numero 16 si è rivelato poco stabile e questo ha condizionato le sue prestazioni.

“Oggi onestamente nel Q2 ho fatto davvero fatica - commenta Leclerc - primo giro molto difficile con il posteriore che si muoveva tanto con il cambiamento di vento e dopo abbiamo faticato a provare a fare in modo di sentirlo meno, però è andata così. Oggi è un settimo posto, il passo gara è buono ma è anche una pista in cui è difficile sorpassare. Sarà un po’ complicato".

"Carlos mi ha raccontato del suo incidente, mi ha detto che ha perso la macchina, ho parlato con lui delle condizioni che erano difficili per entrambi su quel giro, anche dopo con il posteriore che si muoveva tanto. Anche io mi sono fatto quasi sorprendere, però ho avuto un po’ più fortuna di lui".

Nella giornata di ieri, al termine delle due sessioni di libere, Leclerc aveva sottolineato di essere molto contento del passo gara mostrato con la sua SF21. La posizione di partenza, però, sembra aver spento il suo entusiasmo. In una pista come l'Hungaroring, le rimonte sono difficili. Anche per chi, come Leclerc, scatterà con gomme Soft usate per qualificarsi in Q2 nella giornata odierna.

"Il passo gara c’è ma per dimostrarlo dobbiamo essere avanti al trenino e per ora siamo indietro. Quella è la parte difficile: in partenza c’è tanto da guadagnare, ma anche molto da perdere, dunque proverò a fare la migliore partenza possibile per portare il miglior risultato possibile”, ha concluso il ferrarista.

condividi
commenti
Sainz: "L'errore? Sorpreso da una raffica di vento"
Articolo precedente

Sainz: "L'errore? Sorpreso da una raffica di vento"

Articolo successivo

Chinchero: "McLaren davanti? Non darei per spacciata la Ferrari"

Chinchero: "McLaren davanti? Non darei per spacciata la Ferrari"
Carica i commenti