La Toro Rosso continua ad investigare sul cedimento della sospensione di Hartley

condividi
commenti
La Toro Rosso continua ad investigare sul cedimento della sospensione di Hartley
Adam Cooper
Di: Adam Cooper
10 lug 2018, 16:20

La Toro Rosso sta ancora indagando sulle cause che hanno innescato il cedimento della sospesione anteriore sinistra che ha portato al terribile incidente di Brendon Hartley nella terza sessione di prove libere a Silverstone.

Brendon Hartley, Toro Rosso
Brendon Hartley, Scuderia Toro Rosso STR13
L'incidente di Brendon Hartley, Scuderia Toro Rosso STR13
L'incidente di Brendon Hartley, Scuderia Toro Rosso STR13
Brendon Hartley, Scuderia Toro Rosso STR13, dopo l'incidente
Brendon Hartley, Scuderia Toro Rosso
Brendon Hartley, Scuderia Toro Rosso STR13

Anche se il team aveva portato al debutto una nuova specifica di alcune parti delle sospensioni delle STR13, la parte che ha ceduto invece è di quelle che erano rimaste identiche alla versione originale.

Tuttavia, per precauzione, Pierre Gasly è tornato alla specifica più vecchia per le qualifiche e la gara, senza avere alcun problema.

Per la giornata di domenica, la squadra ha dovuto ricostruire la monoposto di Hartley, utilizzando ancora il vecchio pacchetto delle sospensioni, ma un problema prima della partenza gli ha praticamente impedito di prendere parte alla gara.

"Il componente con cui abbiamo avuto il problema non era della nuova specifica" ha dichiarato a Motorsport.com il direttore tecnico James Key. "Per precauzione, siamo tornati ad una specifica precedente di alcune parti, anche se non erano associata alla rottura".

"L'unica ragione per cui lo abbiamo fatto era a scopo precauzionale, anche se non crediamo che le novità fossero associate al cedimento".

Key ha detto che il cedimento è stato una sorpresa per il team.

"La cosa è ancora oggetto di indagine. Non abbiamo mai avuto problemi di quella natura e prima di questa gara ne avevamo fatte altre nove".

"Abbiamo avuto qualche danno in pista in Austria, ma non siamo stati i soli, perché in diversi hanno avuto dei problemi con i cordoli".

"Tutti i carichi che abbiamo visto sulla sospensione anteriore sinistra erano all'interno dei carichi per cui era stata progettata. Quel pezzo aveva una storia: era stato usato nelle giornate precedenti, in Canada ed in Bahrain".

"Era stato revisionato e sottoposto ai controlli di qualità. Quindi è piuttosto strano che improvvisamente abbiamo avuto un problema con una componente che era completamente normale, per quanto abbiamo potuto vedere. Quello che abbiamo bisogno di stabilire è se ci sia stato qualche danno".

I detriti recuperati dopo l'incidenti saranno soggetti ad una verifica in fabbrica.

"Sono stati rimandati in fabbrica, sono stati messi in 'quarantena' e saranno sottoposti ad un'attenta analisi per capire quali sono i danni legati all'impatto, cosa si possa essere rotto e come. Abbiamo varie opzioni da valutare una volta raggiunto il risultato finale".

"Con Pierre abbiamo completato i 52 giri di gara senza problemi, quindi sembra che sia stata una cosa una tantum, per un'insieme di circostanze che dobbiamo capire, anche se non si possono mai fare delle supposizioni del genere".

"Brendon è stato estremamente sfortunato, ovviamente non è stata una cosa che è dipesa da lui, ma ha influenzato negativamente tutto il suo weekend. Fortunatamente, sta bene e questa è la cosa più importante. E la macchina ha fatto esattamente quello che avrebbe dovuto fare in un impatto di quel genere".

Key ha spiegato poi che il ritiro anticipato in gara è stato una conseguenza del fatto che la squadra abbia dovuto ricostruire la sua STR13 in così poco tempo.

"I meccanici hanno fatto un lavoro fantastico per rimettere insieme la macchina da zero, perché era davvero una macchina completa da assemblare in una notte".

"Abbiamo avuto alcuni problemi che hanno avuto un effetto a catena. C'è stato un problema di sistema che non abbiamo avuto modo di vedere con un fire-up. Questo ci ha indotto a ritardare l'uscita dai box. Siamo andati fuori con mezzo giro di distacco, ma il problema era ancora lì".

Prossimo articolo Formula 1
Horner: "C'è un handicap motore: Honda e Renault ormai si equivalgono"

Previous article

Horner: "C'è un handicap motore: Honda e Renault ormai si equivalgono"

Next article

Test Pirelli: Red Bull, Williams e Haas F1 impegnate a Silverstone con gomme 2019

Test Pirelli: Red Bull, Williams e Haas F1 impegnate a Silverstone con gomme 2019

Su questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP di Gran Bretagna
Location Silverstone
Piloti Brendon Hartley
Team Toro Rosso
Autore Adam Cooper
Tipo di articolo Ultime notizie