La penalità di Vettel fa discutere: Whiting difende i commissari dalle proteste di Lauda

condividi
commenti
La penalità di Vettel fa discutere: Whiting difende i commissari dalle proteste di Lauda
Franco Nugnes
Di: Franco Nugnes
25 giu 2018, 16:44

Il direttore di prova della F1 sostiene che i commissari sportivi abbiano agito basandosi sui precedenti più recenti, ma la sanzione al tedesco, che ha ammesso la sua colpa con Bottas, è parsa a molti inadeguata.

Niki Lauda, Mercedes AMG F1 Presidente Non-Esecutivo e Charlie Whiting, Delegato FIA in griglia
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W09, precede Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1 W09, Sebastian Vettel, Ferrari SF71H, Max Verstappen, Red Bull Racing RB14, Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14, e il resto del gruppo alla partenza
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W09, precede Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1 W09, Sebastian Vettel, Ferrari SF71H, Max Verstappen, Red Bull Racing RB14, Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14, e il resto del gruppo alla partenza
Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1 W09, lotta con Sebastian Vettel, Ferrari SF71H, alla partenza
Sebastian Vettel, Ferrari SF71H, e Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1 W09, in testacoda, dopo il contatto al primo giro
Carlos Sainz Jr., Renault Sport F1 Team R.S. 18, Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14, sfilano mentre Sebastian Vettel, Ferrari SF71H, Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1 W09, finiscono fuori pista alla partenza

Niki Lauda dopo la corsa al Paul Ricard si era espresso in modo molto chiaro: Sebastian Vettel ha pagato solo con cinque secondi di penalità il contatto alla prima curva del GP di Francia che ha privato la Mercedes di una possibile doppietta, colpendo Valtteri Bottas che, come il ferrarista, è dovuto rientrare ai box durante il regime di safety car per sostituire la gomma posteriori sinistra danneggiata.

Charlie Whiting, dopo ogni GP è disponibile a spiegare i momenti controversi della gara: il direttore di prova della F1 ha voluto chiarire come mai il collegio dei commissari sportivi ha preso il provvedimento minimo nei confronti del tedesco:

“I commissari sportivi avevano quattro opzioni: penalità di 5 secondi, penalità di 10 secondi, passaggio in pit lane per un drive-through, o stop and go con sosta alla piazzuola del pit. Hanno deciso per i 5 secondi in considerazione di casi simili in passato. Certo, se si guarda l’ordine d’arrivo finale si può pensare che la sanzione non sia stata sufficiente, ma i commissari decidono al momento”.

Tutto vero, ma per arrivare a deliberare uno stop and go allora ci vuole una… strage? Battute a parte, non condividiamo il metro di giudizio adottato in Francia, perché se questo diventa un altro precedente che può essere valido per il futuro, allora ricordiamoci i contatti che in passato hanno deciso un mondiale: se finire a ruote inchiodate contro il diretto avversario per il titolo costa solo una penalità di 5 secondi, allora il leader del campionato può scegliere una… soluzione anticipata sapendo di non aver molto da perdere.

L’anno scorso è stato deciso che i piloti potessero essere più liberi di darsi battaglia, ma un conto sono i contatti di gara che venivano sanzionati in modo fin troppo fiscale e un conto è sottovalutare le scorrettezze, anche se involontarie, come nel caso di Vettel in Francia.

Sebastian è andato subito da Valtteri Bottas nel dopo gara per fargli le sue scuse, assumendosi tutta la responsabilità dell’incidente, per cui non stiamo parlando di un episodio controverso per la sua dinamica, visto che le (molte) immagini hanno parlato chiaro.

Anche i 5 secondi comminati a Romain Grosjean per aver stretto Esteban Ocon alla partenza del GP sono stati poca cosa: il transalpino doveva per regolamento lasciare lo spazio di una macchina al connazionale della Force India per evitare che finisse contro le protezioni e, invece, lo ha deliberatamente spinto verso il muro. Sarebbe meglio castrare sul nascere queste atteggiamenti molto pericolosi che potrebbero prendere piede vista la pena molto limitata.

Articolo successivo
Aggiunta una terza zona DRS anche al Red Bull Ring per cercare di aumentare i sorpassi in gara

Articolo precedente

Aggiunta una terza zona DRS anche al Red Bull Ring per cercare di aumentare i sorpassi in gara

Articolo successivo

Pirelli, Isola: "Al Red Bull Ring le gomme subiranno carichi ‘a freddo’ nelle curve a sinistra!"

Pirelli, Isola: "Al Red Bull Ring le gomme subiranno carichi ‘a freddo’ nelle curve a sinistra!"
Carica i commenti