La Honda pianifica esperimenti in chiave 2019 nelle ultime gare del 2018

condividi
commenti
La Honda pianifica esperimenti in chiave 2019 nelle ultime gare del 2018
Di: Scott Mitchell
Tradotto da: Matteo Nugnes
26 set 2018, 10:20

Il responsabile di Honda Motorsport ha ammesso che il motorista giapponese introdurrà delle parti sperimentali sulle power unit nelle ultime gare della stagione 2018, come preparazione per il 2019.

L'azienda giapponese ha introdotto un motore a combustione interna aggiornato nel mese di giugno e sta preparando l'ultimo upgrade del 2018 per la Toro Rosso, in attesa di iniziare a fornire i motori alla Red Bull nella prossima stagione.

Masashi Yamamoto, direttore generale del reparto motorsport della Honda, ha dichiarato a Motorsport.com che ci saranno parecchi esperimenti da qui alla fine dell'anno.

"Verso la fine della stagione, come preparazione per il prossimo anno, ci sarà l'opportunità di provare qualcosa in pista" ha detto.

"Vogliamo fare questo tipo di prove e di errori, sfruttando questa opportunità nella seconda parte della stagione".

La Honda ha utilizzato molte componenti in questa stagione su entrambe le Toro Rosso, principalmente per ragioni tattiche, quindi l'introduzione di un nuovo motore a combustione interna, di un nuovo turbo o di qualsiasi parte del sistema di recupero di energia comporterà una penalizzazione in griglia.

Questo significa che sarebbe logico introdurre un aggiornamento importante questo fine settimana in Russia, per evitare di incappare in penalità pesanti nella gara di casa, il GP del Giappone della settimana prossima.

In alternativa, la Honda potrebbe ritardare l'introduzione della power unit evoluta alla gara di Austin, dove è atteso anche un nuovo pacchetto aerodinamico da parte della Toro Rosso.

Tuttavia, in questa fase della stagione la Honda potrebbe anche provare a migliorare alcune parti ausiliarie della sua power unit, per provare a fare dei passi avanti in termini di efficenza e di peso.

Dopo un triennio molto difficile con la McLaren, la Honda quest'anno ha iniziato a fare progressi tangibili con la Toro Rosso, centrando anche un risultato importante come il quarto posto nel GP del Bahrain.

Si tratta del miglior risultato del motorista giapponese da quando ha fatto ritorno nel Circus e questo, oltre alla rifondazione della struttura, hanno portato la Red Bull a decidere di puntare sulla Honda con fiducia per l'anno prossimo.

Bisogna ricordare, infatti, che Yusuke Hasegawa si è fatto da parte alla fine del 2017 e le sue responsabilità sono state divise tra Toyoharu Tanabe, nuovo direttore tecnico in pista di Honda, e Yasuaki Asaki, che invece guida il programma di ricerca e sviluppo a Sakura.

Yamamoto ha dichiarato: "Abbiamo modificato la nostra organizzazione quest'anno e chiarito le operazioni sia in pista che sul lato dello sviluppo".

"Ci sono due rami principali: abbiamo rafforzato entrambe le funzioni, con delle leadership forti su entrambi i lati con Tanabe ed Asaki. Quindi, credo che abbiamo un sistema migliore di prima".

Masashi Yamamoto, General Manager, Honda Motorsport

Masashi Yamamoto, General Manager, Honda Motorsport

Photo by: Andrew Hone / LAT Images

Prossimo articolo Formula 1
Arrivabene è stato lo "stratega" del mercato, che ha spiazzato anche Toto Wolff

Articolo precedente

Arrivabene è stato lo "stratega" del mercato, che ha spiazzato anche Toto Wolff

Articolo successivo

La F1 lancia una nuova app per i live timing dopo le critiche ricevute per quella lanciata a Singapore

La F1 lancia una nuova app per i live timing dopo le critiche ricevute per quella lanciata a Singapore
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Autore Scott Mitchell
Tipo di articolo Ultime notizie