F1 | Inchiesta FIA: coinvolti team e piloti prima delle decisioni

La FIA ha indicato quelli che saranno i prossimi step dell'analisi dei fatti di Abu Dhabi. Il presidente Ben Sulayem vuole una consultazione con piloti e team per migliorare la gestione della safety car. Ha incaricato Peter Bayer per formulare delle proposte utili a rivedere e ottimizzare l'organizzazione della FIA in F1.

F1 | Inchiesta FIA: coinvolti team e piloti prima delle decisioni

Il controverso finale di stagione del campionato di Formula 1, che ha visto Max Verstappen conquistare il titolo iridato nel corso dell’ultimo giro di gara dopo una gestione caotica della safety car da parte di Michael Masi, è stato al centro delle attenzioni della FIA.

Il 15 dicembre scorso, al termine del Consiglio Mondiale, l’ex presidente della Federazione Internazionale, Jean Todt, aveva proposto di avviare una analisi finalizzata a fare chiarezza su quanto avvenuto nei giri conclusivi del GP di Abu Dhabi.

Dello stesso autore, leggi anche:

La FIA aveva diramato un comunicato che recitava nel seguente modo: “Il Gran Premio di Abu Dhabi 2021 ha suscitato un gran numero di reazioni da parte della comunità della F1 e dello sport automobilistico in generale nonché del pubblico. La responsabilità principale della FIA in ogni evento è garantire la sicurezza di tutte le persone coinvolte e l'integrità dello sport”.

“Le circostanze relative all'uso della Safety Car, in seguito dell'incidente del pilota Nicholas Latifi, e le relative comunicazioni tra il direttore di gara e i rappresentanti delle squadre, hanno generato notevoli malintesi e reazioni da parte di team, piloti e fan di Formula 1. Il tutto sta attualmente offuscando l'immagine del Campionato e la doverosa celebrazione del primo Mondiale Piloti conquistato da Max Verstappen e dell'ottavo Mondiale Costruttori consecutivo conquistato dalla Mercedes”.

“A seguito della presentazione di un report relativo alla sequenza degli eventi verificatisi a partire dell'incidente avvenuto al giro 53, e in una costante spinta mirata al miglioramento, il Presidente della FIA ha proposto al Consiglio Mondiale che venga avviata un’analisi con il coinvolgimento di tutte le parti interessate. Questo argomento sarà discusso e affrontato con tutte le squadre ed i piloti per trarre eventuali lezioni da questa situazione e fare maggiore chiarezza nei confronti dei partecipanti, dei media e dei fan sulle normative vigenti. Il tutto al fine di preservare la natura competitiva del nostro sport garantendo al contempo la sicurezza dei piloti del personale. Non sarà la sola Formula 1 a poter beneficiare di questa analisi, ma più in generale tutti i campionati del circuito FIA”.

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16B, Lewis Hamilton, Mercedes W12

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16B, Lewis Hamilton, Mercedes W12

Photo by: Zak Mauger / Motorsport Images

“La FIA – conclude il comunicato - farà quindi tutto il possibile per avviare questa analisi all'interno della governance della Formula 1 e proporrà alla Commissione Formula 1 di dare mandato di studio al Comitato consultivo, con il supporto dei piloti di Formula 1, in modo che qualsiasi feedback significativo ed eventuali conclusioni possano essere tratte prima dell'inizio della stagione 2022”.

Da quel 15 dicembre, tuttavia, non si aveva avuto più alcuna notizia in merito all’analisi dei fatti di Abu Dhabi. Almeno fino ad oggi.

In un comunicato diramato poco fa, la Federazione Internazionale ha indicato quelli che saranno i prossimi passi in merito alle vicende che hanno caratterizzato l’ultimo gran premio del 2021.

"A seguito della decisione del Consiglio Mondiale di Parigi del 15 dicembre 2021, l'amministrazione della FIA, sotto la guida di Mohammed Ben Sulayem, ha iniziato l'analisi dettagliata degli eventi dell'ultimo Gran Premio di Formula 1 Abu Dhabi", si legge nel comunicato della Federazione Internazionale.

"Il presidente della FIA ha lanciato una consultazione con tutte le squadre di F1 su varie questioni, compresa questa. Il 19 gennaio, un punto all'ordine del giorno del Comitato consultivo sportivo sarà dedicato all'uso della Safety Car. La fase successiva sarà una discussione condivisa con tutti i piloti di F1”.

"Il risultato dell'analisi dettagliata sarà presentato alla F1 Commision a febbraio e le decisioni finali saranno annunciate al Consiglio Mondiale che si terrà in Bahrain il 18 marzo”.

"Il presidente della FIA Mohammed Ben Sulayem ha chiesto al segretario generale e responsabile dell’area monoposto, Peter Bayer, delle proposte per rivedere e ottimizzare l'organizzazione della struttura della FIA F1 per la stagione 2022”.

condividi
commenti
F1 | Alpine: terminato il rapporto con Budkowski
Articolo precedente

F1 | Alpine: terminato il rapporto con Budkowski

Articolo successivo

F1 | Red Bull: sarà Abiteboul il responsabile dell'area Powertrain?

F1 | Red Bull: sarà Abiteboul il responsabile dell'area Powertrain?
Carica i commenti