La FIA continua a monitorare la situazione del Bahrein

La FIA continua a monitorare la situazione del Bahrein

Todt garantisce che in caso di pericolo la gara può ancora saltare

Potrebbe non essersi chiuso definitivamente il capitolo riguardante il ritorno nel calendario 2011 del Mondiale di Formula 1 del Gp del Bahrein. Ormai è piuttosto evidente che i piloti e le squadre non sono troppo entusiasti di questa decisione che, visto lo slittamento a fine stagione del Gp dell'India, prolungherà il campionato fino a quasi metà dicembre. Non è solo questo però a preoccupare gli addetti ai lavori, in quanto sembra che in Bahrein in realtà il clima sia tutt'altro che sereno, nonostante nei giorni scorsi sia stato revocato lo stato di emergenza. La paura di molti è che quella trasferta possa mettere a repentaglio la propria incolumità. Per questo oggi Jean Todt ci ha tenuto a precisare che la situazione verrà monitorata costantemente della FIA e che quindi potrebbero anche esserci delle altre variazioni sui programmi: "Se ci saranno delle prove chiare riguardo alla pericolosità della situazione, sicuramente verranno prese in considerazione dalla FIA" ha detto alla BBC. "Il nostro inviato speciale (Carlos Gracia della Federazione spagnola, ndr) ha avuto diversi incontri con i responsabili delle società umanitarie in Bahrein. Ha parlato con tante persone prima di presentare la relazione finale che è stata approvata all'unanimità nel corso del Consiglio Mondiale" ha aggiunto. Non la pensa così però Alex Wilks, responsabile della Aavaz, una associazione che difende i diritti umani: "Le notizie che sostengono che in Bahrein è tornata la calma sono completamente false. Nella scorsa settimana la polizia hanno continuato ad utilizzare gas lacrimogeni, proiettili di gomma e granate assordanti per rompere marce pacifiche, uccidendo e ferendo decine di persone" ha detto Wilks, che è stato anche promotore di una raccolta di firme per proporre alla Red Bull di boicottare l'evento, alla BBC. L'accusa successiva però è un po' più pesante: "L'organizzazione principale che ha fornito queste informazioni, il National Institute of Human Rights, è strettamente associato con il governo del Bahrein e sembra che il ricercatore FIA ​​non è riuscito a contattare una qualsiasi delle altre principali organizzazioni per i diritti umani presenti sul territorio. Ora tocca alle squadre lottare per ciò che è giusto e boicottare la gara".

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Articolo di tipo Ultime notizie