FIA avvisa chi organizza i campionati: niente caos alla ripartenza

Il vice presidente della FIA, Graham Stoker, ha chiesto agli organizzatori dei vari campionati di collaborare per evitare sovrapposizioni di eventi al momento della ripartenza

FIA avvisa chi organizza i campionati: niente caos alla ripartenza

Gli organizzatori dei campionati stanno attualmente lavorando al progetto di organizzare eventi nei prossimi mesi dopo che la crisi da COVID-19 ha costretto allo stop gli sport motoristici in tutto il mondo.

La Formula 1 ha in programma di iniziare la sua stagione 2020 in Austria all'inizio di luglio, mentre altre serie stanno anche formulando progetti per gareggiare a porte chiuse dato che le restrizioni sui raduni di massa rimangono in vigore in molti paesi.

Il vice presidente della FIA Graham Stoker, però, è timoroso circa possibili sovrapposizioni tra i campionati, dato che tutti cercheranno di tornare a correre nei prossimi mesi.

“Sarà un ambiente estremamente competitivo e potenzialmente molto affollato, e in un certo senso questo è ciò che dobbiamo sperare", ha detto Stoker in un'intervista alla rivista della FIA, AUTO.

"Vogliamo vedere il ritorno dell'ambiente motoristico estremamente vivace e diversificato a cui siamo abituati. Tuttavia ciò avrà bisogno di una gestione molto attenta. Quando guardiamo a cose come il Codice Sportivo Internazionale e il calendario sportivo internazionale, l'approccio deve essere flessibile. È fondamentale dare priorità alla messa in scena degli eventi. Sarebbe controproducente una guerra interna".

"Non lasciamoci coinvolgere in dispute su chi ha ottenuto quale slot e quali accordi precedenti dovrebbero avere la priorità. Questo approccio non funzionerà".

Stoker ha lanciato un suggerimento. Gli organizzatori potrebbero cercare di lavorare insieme sui metodi per rimettere in moto le corse, potenzialmente anche condividendo le piste nei fine settimana.

"La priorità principale è far ripartire lo sport motoristico e se questo significa dei 'super weekend' con eventi multipli, in collaborazione e con flessibilità, beh, perché non provarci? ".

"Il Motorsport deve essere in grado di tenere duro, e dobbiamo avere flessibilità in termini di eventi e luoghi e pensare fuori dagli schemi per far ripartire le cose in modo spettacolare così da attirare l'interesse del pubblico".

"Dovremmo anche dimostrare che lo sport motoristico rimanga rilevante ed abbia un'influenza positiva attraverso le sue azioni".

In un messaggio ai club membri della FIA, il presidente dell'organo di governo, Jean Todt, ha dichiarato di sperare che gli insegnamenti tratti dalla ripresa della stagione di F1 in Austria possano giungere anche alle categorie minori del Motorsport.

"Speriamo di poter ricominciare la stagione quest'estate con il primo gran premio in Austria nel weekend del 3-5 luglio", ha detto Todt.

"Saremo in grado di condividere con tutti voi gli insegnamenti e i processi per l'esecuzione di sport motoristici sotto le restrizioni di COVID-19 così da riavviare tutte le nostre competizioniil più rapidamente possibile".

condividi
commenti
Horner: "La F1 dovrebbe pensare per un po' alle auto clienti"
Articolo precedente

Horner: "La F1 dovrebbe pensare per un po' alle auto clienti"

Articolo successivo

Horner: "Ecco come cercheremo di far disputare il GP d'Austria"

Horner: "Ecco come cercheremo di far disputare il GP d'Austria"
Carica i commenti