La Ferrari prosegue l'esperimento con l'Halo

Sebastian Vettel ha provato il nuovo sistema di protezione della testa sulla Ferrari SF16-H, mentre montano le polemiche su questo dispositivo che la FIA vorrebbe adottare sulle monoposto 2017. Hulkenberg e Hamilton sono contrari...

La Ferrari prosegue l'esperimento con l'Halo
Kimi Raikkonen, Ferrari SF16-H, in pista con l'halo
Kimi Raikkonen, Ferrari SF16-H, in pista con il sistema Halo
Kimi Raikkonen, Ferrari SF16-H, in pista con il cockpit Halo
Kimi Raikkonen, Ferrari SF16-H, in pista con il cockpit Halo
Kimi Raikkonen, Ferrari SF16-H con il cockpit system F1 Halo
Kimi Raikkonen, Ferrari SF16-H con il cockpit system F1 Halo
Kimi Raikkonen, Ferrari SF16-H, in pista con il cockpit Halo

La Ferrari ha proseguito la sperimentazione dell'Halo. Dopo che la soluzione è stata portata al debutto giovedì da Kimi Raikkonen, la squadra del Cavallino ha deciso di far provare il "diadema" in carbonio anche a Sebastian Vettel nell'installation lap di venerdì mattina, nell'ultimo giorno di test invernali a Barcellona.

Il finlandese non ha bocciato la nuova protezione della testa che la FIA vuole introdurre sulle monoposto 2017, anche se ha evidenziato che la visibilità non è ottimale. Sentiremo oggi le reazioni del quattro volte campione del mondo tedesco che aveva voluto già vedere quale effetto faceva l'aureola sedendosi nell'abitacolo della SF16-H mercoledì sera, quando il sistema era stato montato sulla Rossa.

Il paddock si sta spaccando sull'opportunità di dotare le monoposto di una copertura: la proposta studiata dalla Mercedes per la FIA aveva attratto la fantasia degli appassionati, mentre la prima realizzazione pratica, vista montata su una monoposto che gira in pista sta scatenando delle forti reazioni.

Dopo Nico Hulkenberg, che si è sempre dichiarato contrario a minare il concetto di monoposto, anche Lewis Hamilton ha preso posizione ieri sera postando un'immagine dell'Halo montato sulla Ferrari di Kimi Raikkonen, bocciando la realizzazione e lamentandosi che non è questa la strada che la FIA deve seguire per migliorare la sicurezza dei piloti.

E' interessante notare che il dissenso arrivi proprio dai protagonisti principali del Circus, sebbene la ricerca sia finalizzata a migliorare la loro sicurezza, dopo gli incidenti recenti di Julien Bianchi e Justin Wilson. Ma proprio il papà di Julien, ha preso ieri posizione sostenendo che l'Halo non sarebbe servito a niente per salvare la vita del figlio e di Wilson in Indycar.

La Red Bull Racing sta studiando una soluzione dell'Halo con un parabrezza che verrà provata il mese prossimo. Ogni argomento che riguarda la Formula 1 diventa motivo di grandi discussioni e polemiche. E' il modo migliore per minacciare ogni giorno una rivoluzione e poi, puntualmente, non cambiare niente.

condividi
commenti
Hamilton critico: "Con l'Halo la F.1 è sulla strada sbagliata"

Articolo precedente

Hamilton critico: "Con l'Halo la F.1 è sulla strada sbagliata"

Articolo successivo

Qualifiche shoot out: i retroscena di una scelta che non piace

Qualifiche shoot out: i retroscena di una scelta che non piace
Carica i commenti