La F1 studia nuove posizioni per le telecamere per aumentare qualità di velocità e suono delle auto

condividi
commenti
La F1 studia nuove posizioni per le telecamere per aumentare qualità di velocità e suono delle auto
Di:
31 gen 2019, 12:21

La Formula 1 sta valutando lo spostamento delle telecamere televisive in pista per poter riportare al meglio in TV la velocità delle auto. Le auto attualmente hanno una forma particolare per cui si sta cercando di risaltarne al massimo le qualità.

"Nel 2019 faremo veramente di tutto per dare risalto della velocità di questo sport e delle relative auto - ha detto a Motorsport.com Dean Locke, responsabile di TV e media della F1 - Stiamo ripensando al piazzamento delle telecamere, dato che se ti trovi sulle tribune sembra tutto incredibile, no?"

"Le angolazioni e le lenti possono trasmettere molto, ma al momento non la velocità e le emozioni reali di tutto ciò. Stiamo cercando di fare qualche intervento inventandoci qualcosa, in particolare nelle azioni di movimento in alcune postazioni. C'erano alcune piste nel 2018, ad esempio in Giappone, dove la qualità era veramente ottima".

In F1 si sta lavorando ancora sul suono delle power unit, problema fin dalla loro introduzione nel 2014.

"L'audio è cambiato parecchio, abbiamo fatto molto attorno e dentro la macchina. Se guardate le immagini, si avverte che il rumore viene dal posteriore. Nel 2018 si è pensato molto e così faremo anche nel 2019. C'è stato un successo, ma in alcuni tracciati è meglio che in altri. I motori Honda avevano un suono molto buono l'anno scorso e abbiamo fatto moltissimo in merito".

Un'altra chiave in questa area di sviluppo per il 2019 sarà la collaborazione con Amazon Web Services che aggiungerà ulteriori migliorie grafiche.

"Stiamo facendo tantissimo con AWS e i loro mezzi per spiegare cosa serve e cosa no, utilizzando la loro piattaforma per acquisire dati e informazioni grafiche. E' una cosa davvero grande e stiamo cominciando a prendere confidenza in questo momento con essa, vediamo cosa possiamo raggiungere e cosa no".

"Ad esempio, le strategie sui pit-stop: perché uno rientra o perché prosegue? Stiamo mettendo insieme un team di commentatori che possano spiegare bene la cosa, nel Regno Unito siamo molto fortunati perché ci sono e sono bravi. Non è una cosa ovvia per gli altri 200 paesi e 90 emittenti".

"Abbiamo ora delle grafiche che spiegano cosa accade. "Il tal pilota è partito con quelle gomme e si fermerà al giro X". E' una cosa molto più dinamica, quando si è in regime di VSC sicuramente aiuta a capire. Stiamo utilizzando i dati del venerdì e del sabato con un algoritmo che ci dà previsioni su cosa può succedere. Spiegarlo così semplicemente sarebbe una grande vittoria".

Ross Brawn, Formula One Managing Director of Motorsports speak about F1-TV in 2019

Ross Brawn, Formula One Managing Director of Motorsports speak about F1-TV in 2019

Photo by: Amazon Web Services

Articolo successivo
La Red Bull professa pazienza con Gasly: "Lo abbiamo promosso prima del previsto"

Articolo precedente

La Red Bull professa pazienza con Gasly: "Lo abbiamo promosso prima del previsto"

Articolo successivo

Ferrari: l'uomo misterioso arriverà alla Gestione Sportiva dal prodotto GT

Ferrari: l'uomo misterioso arriverà alla Gestione Sportiva dal prodotto GT
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Autore Adam Cooper