La F1 potrebbe usare la biosfera anche per il GP d'Australia

La Formula 1 avrà probabilmente bisogno di un modello di biosfera per il Gran Premio d'Australia, che aprirà la stagione 2021 a Melbourne il prossimo anno.

La F1 potrebbe usare la biosfera anche per il GP d'Australia

Un modello di biosfera farà la sua prima apparizione al Gran Premio di Abu Dhabi di questo fine settimana, con il personale del paddock che è arrivato su voli charter ed avrà limitazioni di movimento tra gli alberghi assegnati ed il circuito.

Si tratta di un inasprimento delle restrizioni sulla bolla che sono state utilizzate da quando la stagione è ripresa a luglio.

Una cosa che potrebbe fungere da prova in vista del Gran Premio d'Australia del 2021, che difficilmente sarà realizzabile senza un sistema simile.

Le frontiere internazionali dell'Australia sono chiuse da marzo, ed è improbabile che si aprano senza un obbligo di quarantena alberghiera, in particolare per i paesi europei, fino a quando non sarà consolidato un vaccino.

Motorsport.com ha appreso che sono in corso dei piani per realizzare una biosfera anche a Melbourne, per evitare che squadre e piloti debbano passare 14 giorni chiusi in hotel prima della gara di apertura della stagione.

I movimenti tra gli hotel ed il paddock saranno controllati in maniera molto stringente, e chiunque si unisca alla bolla dovrà sottoporsi a 14 giorni di quarantena in hotel dopo l'evento se vorrà avere libero accesso al resto del paese.

Questo interessa soprattutto il personale dell'evento che vive in Australia, tra cui alcuni membri dello staff dell'Australian Gran Prix Corporation ed i volontari che lavorano al GP.

L'ente governativo Motorsport Australia ha iniziato a compilare l'elenco dei "Profilo 1", che potrebbero avere bisogno di essere messi in quarantena per quattro giorni prima dell'evento e sottoporsi ad un COVID-19 per essere ammessi alla bolla.

Inoltre sono tra quelli che dovrebbero poi fare una quarantena di 14 giorni in hotel una volta concluso il GP. Di questa schiera faranno parte i commissari che lavorano in pitlane, oltre a coloro che avranno accesso al paddock o alla direzione gara.

Per quanto riguarda invece le persone del "Profilo 2", ovvero quelli che lavorano nelel categorie di supporto o i commissari che sventolano le bandiere, questi non saranno costretti ad entrare a far parte della bolla.

Il paddock delle categorie di supporto, compreso quello della Supercar, rimarrà invece al di fuori della bolla, così come il media center nazionale, che opera al di fuori del paddock di F1.

condividi
commenti
Leclerc: "Il saluto a Seb su una pista poco amica della Rossa"
Articolo precedente

Leclerc: "Il saluto a Seb su una pista poco amica della Rossa"

Articolo successivo

Russell: nuovo Hamilton o diamante ancora grezzo?

Russell: nuovo Hamilton o diamante ancora grezzo?
Carica i commenti