Formula 1
G
GP del Bahrain
19 mar
-
22 mar
PL1 in
29 giorni
07 mag
-
10 mag
FP1 in
78 giorni
21 mag
-
24 mag
FP1 in
91 giorni
G
GP d'Azerbaijan
04 giu
-
07 giu
FP1 in
106 giorni
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
FP1 in
113 giorni
02 lug
-
05 lug
FP1 in
134 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
FP1 in
148 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
FP1 in
162 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
FP1 in
190 giorni
03 set
-
06 set
FP1 in
197 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
211 giorni
24 set
-
27 set
Prossimo evento tra
217 giorni
08 ott
-
11 ott
Prossimo evento tra
231 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
245 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
252 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
266 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
Prossimo evento tra
280 giorni
Stoffel Vandoorne
Topic

Stoffel Vandoorne

La colonna di Vandoorne: "Due crash e zero punti, ma non mi arrendo!"

condividi
commenti
La colonna di Vandoorne: "Due crash e zero punti, ma non mi arrendo!"
Di:
1 giu 2017, 09:26

il pilota belga della McLaren rivive il deludente GP di Monaco finito contro le barriere di St. Devote: Vandoorne guarda al Canada con fiducia perché la MCL32 cresce di gara in gara, anche se la pista di Montreal l'ha scoperta solo al simulatore.

Stoffel Vandoorne, McLaren MCL32
Stoffel Vandoorne, McLaren MCL32, crashes out of the race
Stoffel Vandoorne, McLaren MCL32
Il logo World Fastest Gamer sulla monoposto di Stoffel Vandoorne, McLaren MCL32
Stoffel Vandoorne, McLaren, Jacky Ickx
La McLaren MCL32 di Stoffel Vandoorne viene rimossa dopo l'incidente
I Marshal rimuovono i rottami dopo l'incidente di Stoffel Vandoorne, McLaren MCL32
Stoffel Vandoorne, McLaren MCL32, esce dalla sua monoposto dopo l'incidente
Stoffel Vandoorne, McLaren
Stoffel Vandoorne, McLaren MCL32
Esteban Ocon, Force India F1 e Stoffel Vandoorne, McLaren
Stoffel Vandoorne, McLaren MCL32
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W08, Stoffel Vandoorne, McLaren MCL32, Felipe Massa, Williams FW40
Stoffel Vandoorne, McLaren MCL32
Stoffel Vandoorne, McLaren MCL32
Stoffel Vandoorne, McLaren MCL32

Al termine del weekend di Monte Carlo ho lasciato il Principato con un bilancio di due incidenti e senza nessun punto in classifica, ma allo stesso tempo con la sensazione che sia stato uno dei migliori fine settimana disputati finora dal team McLaren-Honda.

Sapevamo sin dalla vigilia che il Gran Premio di Monaco, grazie alle caratteristiche del tracciato, ci avrebbe potuto consentire di puntare alla zona punti. La variabile "motore" è meno significativa rispetto ad altri tracciati, e non vedevo l’ora di essere in pista.

Bello dormire nel proprio letto

La nostra performance si è effettivamente confermata abbastanza buona, e nel corso del weekend sono emersi tanti aspetti positivi. Uscendo dal fronte tecnico, la prima atipicità di questo fine settimana è poter dormire nel proprio letto e andare in pista a piedi, cosa non proprio usuale.

In più c’era la novità legata al ritorno in squadra di Jenson Button, che ha sostituito Fernando. Sapevo che Jenson si sarebbe adattato in fretta, e così è stato, come hanno dimostrato i tempi che ha ottenuto nelle prime prove libere.

Ottima collaborazione con Jenson

Dal mio punto di vista, avere Jenson in squadra non ha comportato alcun cambiamento rispetto al solito programma del weekend di gara. Ho svolto il mio lavoro, e ci siamo confrontati per migliorare la vettura nel corso del fine settimana, sessione dopo sessione.

Dopo i primi giri percorsi nella FP1 la sensazione con la monoposto si è subito confermata buona, e al termine della sessione ho ottenuto un promettente dodicesimo tempo, diventato poi undicesimo nella FP2 e decimo nella FP3. Giro dopo giro il mio feeling con la pista è progressivamente migliorato, e sentivo che in qualifica avremmo potuto ambire alla Q3.

Conquistato la Q3 prima del botto!

Un’impressione subito confermata in Q1, visto che per la prima volta in questa stagione sono riuscito a passare in Q2. Il mio primo giro in questa sessione è stato così buono da garantirmi l’accesso alla Q3, ma come pilota ho voluto tornare in pista per provare a limare qualcosa dal mio tempo.

Ho iniziato un secondo giro lanciato che si è subito confermato buono, ma purtroppo alla chicane della Piscina ho toccato la barriera interna ed ho avuto l’incidente che ha messo fine alla mia qualifica. L’amarezza è stata soprattutto legata all’impossibilità di poter partire nella sessione Q3 dopo aver conquistato l’accesso, un vero peccato.

Come Hamilton con le Ultrasoft

I tecnici hanno riparato la monoposto in vista della gara, e nei primi giri abbiamo confermato un buon ritmo. I tempi mi hanno incoraggiato, con le ultrasoft potevo seguire senza grandi problemi Hamilton, che mi precedeva. Quando siamo passati alle supersoft ho faticato di più, soprattutto nel riuscire a mantenere in temperatura sia gli pneumatici che i freni.

Al restart ero fuori traiettoria

Quando siamo ripartiti dopo un periodo di Safety Car ho lottato con Perez, ed ho avuto molti problemi nel riuscire a gestire la monoposto. Quando Sergio ha attaccato alla St. Devote sono dovuto uscire dalla solita traiettoria, e ho raccolto lo sporco che mi ha fatto perdere il grip in frenata. Non c’è stato molto che potessi fare per evitare l’impatto contro le barriere, e la mia corsa è finita così.

Il telaio MCL32 migliora GP dopo GP

Non è stato di certo il finale di weekend che avevo sperato, soprattutto perché quando entri nella fase finale di gara e vedi la possibilità di conquistare dei punti inizi a pensare che il più è fatto. Ma al di là dell’amarezza per non aver concretizzato un risultato che era alla portata, sono stato incoraggiato dai progressi fatti, soprattutto sul fronte del telaio che continua a migliorare gara dopo gara. Tutte le novità portate in pista dalla squadra hanno migliorato la guidabilità, e questo aspetto è indubbiamente positivo.

Montreal? L'ho vista al simulatore

Ora ci concentreremo sul Gran Premio del Canada, dove affronteremo una pista molto differente rispetto a quella di Monte Carlo. E’ difficile ora sapere a cosa potremo puntare sul circuito Gilles Villeneuve, e sarà anche la mia prima volta su questo tracciato. Ho avuto la possibilità di provare la pista al simulatore, e sono certo che mi piacerà molto. Se poi le cose andranno bene, c’è anche la possibilità che possa diventare uno dei miei circuiti preferiti!

Articolo successivo
Analisi tecnica: tutte le Formula 1 hanno montato la T-wing!

Articolo precedente

Analisi tecnica: tutte le Formula 1 hanno montato la T-wing!

Articolo successivo

Pirelli annuncia le mescole che porterà al GP di Singapore di F.1

Pirelli annuncia le mescole che porterà al GP di Singapore di F.1
Carica i commenti