Felipe Massa

La colonna di Massa: "Per il quinto posto temo soprattutto la Renault"

Nonostante un'importante perdita di carico, il brasiliano è riuscito a regalare un punto alla Williams in Giappone. La lotta per il quinto posto però è serratissima: ecco cosa ha raccontato Felipe nella sua colonna per Motorsport.com.

Il bilancio finale della lunga trasferta Malesia-Giappone è stato positivo. La Williams ha rafforzato la quinta posizione nella classifica costruttori, ed è questo l’obiettivo principale mio e del team in questo finale di stagione. A Sepang abbiamo piazzato due monoposto in zona punti ed anche in Giappone siamo riusciti a portare a casa un decimo posto molto importante, soprattutto considerando che i nostri rivali diretti non hanno concluso la loro corsa nella top-10.

Persi dai 20 ai 25 punti di carico

Quella di Suzuka è stata una gara molto difficile, durante la quale ho faticato parecchio a tenere il ritmo che ho avuto nei primi dieci giri. Dopo la corsa la squadra ha scoperto che sulla mia monoposto sono stati persi dai venti ai venticinque punti di carico aerodinamico, spiegando il calo improvviso della performance. Mi ha fatto piacere sapere il motivo che ha portato al mio rallentamento, perché dopo essere partito bene ed aver impostato un buon ritmo sul giro, tutto è diventato più difficile, e sul momento non capivo il perché. La gara è stata in salita fino alla bandiera a scacchi, e nell’ultimo giro sono riuscito a tenere dietro Alonso strappando con i denti la decima posizione.

Guadagnato un punto sui rivali

Abbiamo guadagnato un punto, ma il bottino avrebbe potuto essere più corposo se non ci fossero stati problemi. E’ stato comunque fatto un passo avanti, visto che i nostri rivali diretti, ad eccezione di Haas, non hanno concluso nella top-10. La volata finale per la quinta posizione si sta confermando sempre più tirata ed avvincente. Ci aspettano quattro gare in cui l’obiettivo sarà quello di piazzare due monoposto in zona punti, ad iniziare da Austin, che è una pista sotto molti aspetti simile a Giappone e Malesia, quindi un tracciato dove potremo far bene.

L'avversario più temibile è la Renault

Abbiamo un piccolo margine di punti sugli inseguitori, ma ovviamente sappiamo che non sarà sufficiente. La Renault è in grande forma in questo fase della stagione, ma sta soffrendo problemi di affidabilità. Toro Rosso è più vicina nella classifica di campionato, ma è la Renault che mi preoccupa di più in questo momento per i passi avanti che hanno confermato sul fronte della performance. Poi da Austin avranno una novità importante, l’arrivo di Sainz, un ottimo pilota che darà sicuramente un contributo. Noi però siamo pronti, in Giappone è stata portata in pista una nuova ala posteriore che ha funzionato molto bene, e faremo tutto per ottimizzare quello che abbiamo a disposizione nelle ultime quattro tappe.

Motivato a continuare nel 2018 se me lo chiederanno

Da parte mia mi sento in forma, sono motivato, e ho la sensazione di essere in un buon momento della mia carriera. Mi trovo bene con la monoposto e con la squadra, ed ho il solo rammarico di aver perso una trentina di punti nell’arco della stagione a causa di alcune circostanze poco fortunate. La squadra sa bene cosa posso garantire, se mi chiederanno di restare nel team anche nel 2018 sono pronto e contento a proseguire la mia avventura con la giusta dose di entusiasmo e motivazioni.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento GP del Giappone
Sub-evento Domenica, gara
Circuito Suzuka
Piloti Felipe Massa
Team Williams
Articolo di tipo Commento
Topic Felipe Massa