Kvyat: "In un top team? Ora sarebbe un'altra storia"

Daniil Kvyat pensa di avere ancora molto da offrire in Formula 1, soprattutto perché ora si sentirebbe pronto anche per un top team.

Kvyat: "In un top team? Ora sarebbe un'altra storia"

Il russo sembra destinato a rimanere a piedi nel 2021, dopo che l'AlphaTauri ha deciso di sostituirlo con il rookie Yuki Tsunoda il prossimo anno.

Kvyat è disposto ad assumere il ruolo di riserva, nel tentativo di cercare un posto per tornare in Formula 1 a tempo pieno nel 2022.

E ritiene che l'esperienza che ha ora in F1 lo renda una valido candidato per molte squadra.

"Idealmente, il 2022 sarebbe l'anno logico per tornare, perché ci sono nuovi regolamenti e le squadre hanno bisogno di piloti di esperienza", ha spiegato Kvyat.

"Posso assicurarvi che l'esperienza è molto importante, soprattutto quando entrano in gioco nuovi regolamenti. Naturalmente, farò del mio meglio per tornare, perché sento di avere molto da dare a questo sport".

Kvyat ritiene di aver dimostrato di avere dato una buona prova contro il compagno di squadra Pierre Gasly quest'anno, una volta che la vettura si è adattata meglio a lui, anche se ha ammesso che gli eventi di Monza hanno dato un'impressione diversa.

"Naturalmente, la sua vittoria ha messo in ombra tutto ciò che di buono ho fatto quest'anno, ma è normale", ha detto. "Ha fatto una gara fantastica, ma tutto sommato mi sembra di essere un pilota molto più completo".

Leggi anche:

"E anche quando la pressione è molto alta intorno a me ed al mio futuro, sono ancora in grado di fare più del 100%. E questo in passato era stato un po' un problema per me".

Kvyat ritiene che solo ora sia stato in grado di esprimere tutto il suo potenziale, ed ha ammesso che probabilmente la sua ascesa è stata troppo rapida quando era più giovane.

"Penso che la mia carriera in F1 sia stata estremamente veloce, come se tutto accadesse troppo velocemente a volte", ha detto.

"Dopo la mia prima parentesi in F1, non ho nemmeno capito cosa sia successo veramento. Sono arrivato dalla GP3, quindi ho saltato l'ultimo passo prima della F1. Sono andato alla Toro Rosso e sono stato subito veloce, e poi, dopo un anno, sono stato promosso immediatamente alla Red Bull".

"Poi ho avuto anche una buona stagione con la Red Bull, ma poi sappiamo tutti cosa è successo ed ho vissuto un paio di anni difficili".

Ha aggiunto: "Penso che mi sia sempre mancata un po' di esperienza in F1, in realtà, perché è successo tutto molto in fretta. E così, quando sono tornato nel 2019, ho adottato un approccio molto diverso".

"Non è che ho dimenticato tutto quello che ho fatto prima, ma sono partito da una pagina nuova in un certo senso, un po' come se fossi di nuovo un rookie. Ma sono riuscito ad imparare cose nuove e anche quest'anno ho fatto molti progressi".

"Sono molto più completo dopo questi ultimi due anni in Formula 1, e ora mi sento pronto a guidare sempre ad alto livello. E poi, se ora si presentasse l'opportunità di andare in un top team, sarebbe un'altra storia".

condividi
commenti
Ferrari e Racing Point nella "lista dei cattivi" Red Bull

Articolo precedente

Ferrari e Racing Point nella "lista dei cattivi" Red Bull

Articolo successivo

McLaren: Ricciardo, Norris e la "scatola dei segreti"

McLaren: Ricciardo, Norris e la "scatola dei segreti"
Carica i commenti