Kubica: "Il mio ritorno in F1? Qualcosa che ricorderò per sempre"

Il polacco ha vissuto una stagione complicata in Williams, ma si è detto soddisfatto di aver dimostrato di poter tornare a correre in Formula 1 e adesso è pronto per nuove sfide.

Kubica: "Il mio ritorno in F1? Qualcosa che ricorderò per sempre"

Nel 2011 la carriera di Robert Kubica ha subito un brusco stop a causa di un incidente nel quale ha riportato delle serie lesioni al braccio destro che lo hanno costretto a dire addio alla Formula 1 sino al 2019, anno nel quale è tornato nella massima serie al volante della Williams.

Il suo ritorno, tuttavia, è coinciso con la peggiore annata del team inglese, ed il polacco è riuscito a conquistare un solo punto con il decimo posto colto ad Hockenheim, mentre in qualifica ha sempre perso il duello con il compagno di team George Russell.

Kubica ha parlato di questo 2019 difficile: “Ero un po' combattuto onestamente, ma penso che tornando   in Formula 1 ho chiuso un capitolo, probabilmente il più importante della mia vita”.

“Bisogna considerare dove mi trovato ed il periodo che ho dovuto attraversare e le circostanze dell’incidente del 2011. Ovviamente una volta tornato in F1 ho riaperto un capitolo, anche se è difficile parlarne dato che la stagione è stata particolarmente complicata”.

“Vivi per un determinato obiettivo che è quello di tornare in Formula 1, e vuoi soltanto disputare delle belle gare e ottenere il massimo come pilota. Questo è quello che credo mi sia mancato di più quest’anno”.

Quando gli è stato chiesto se il suo ritorno in Formula 1 sia stato utile o meno, Kubica ha risposto in maniera secca: “Non dirò che ne valeva la pena o no. Sono una persona che vive di sfida, che vive per cercare di  raggiungere gli obiettivi e per cercare di compiere quello che è il suo percorso”.

“Il mio obiettivo era quello di tornare in Formula 1 dopo molti anni di assenza. Volevo provare a vedere se ero in grado di guidare. Sono tornato dopo una lunga assenza e sono tornato nonostante le mie limitazioni. Tuttavia, se devo rispondere se ne è valsa la pena dico di sì”.

Kubica, che non ha ancora un programma per il 2020, ha poi aggiunto che la stagione gli ha offerto soddisfazioni personali maggiori di un singolo risultato.

“Nel mio viaggio di ritorno non ho mai pensato alla mia carriera a lungo termine. E’ stata una soddisfazione personale ed è un qualcosa che ricorderò per il resto della mia vita”.

“Potrei dire che questa stagione di Formula 1 ha fatto capire alle persone che se posso guidare una monoposto della massima serie posso competere in ogni altra categoria. D’altra parte essere sempre nelle retrovie in F1 non aiuta”.

“Fortunatamente ci sono ancora persone che mi rispettano e che mi stimano abbastanza e sanno che sono in grado di dare risultati non solo come pilota, ma anche come persona”.

Robert Kubica, Williams FW42
Robert Kubica, Williams FW42
1/22

Foto di: Erik Junius

Robert Kubica, Williams
Robert Kubica, Williams
2/22

Foto di: Erik Junius

Robert Kubica, Williams Racing
Robert Kubica, Williams Racing
3/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Robert Kubica, Williams FW42, precede George Russell, Williams Racing FW42, e Pierre Gasly, Toro Rosso STR14
Robert Kubica, Williams FW42, precede George Russell, Williams Racing FW42, e Pierre Gasly, Toro Rosso STR14
4/22

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38, sorpassa Robert Kubica, Williams FW42
Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38, sorpassa Robert Kubica, Williams FW42
5/22

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Robert Kubica, Williams FW42
Robert Kubica, Williams FW42
6/22

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Robert Kubica, Williams FW42, precede George Russell, Williams Racing FW42
Robert Kubica, Williams FW42, precede George Russell, Williams Racing FW42
7/22

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Robert Kubica, Williams FW42, lotta con Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
Robert Kubica, Williams FW42, lotta con Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
8/22

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Robert Kubica, Williams FW42, lotta con Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
Robert Kubica, Williams FW42, lotta con Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
9/22

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Robert Kubica, Williams FW42, precede George Russell, Williams Racing FW42
Robert Kubica, Williams FW42, precede George Russell, Williams Racing FW42
10/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Robert Kubica, Williams FW42, precede George Russell, Williams Racing FW42
Robert Kubica, Williams FW42, precede George Russell, Williams Racing FW42
11/22

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Robert Kubica, Williams FW42
Robert Kubica, Williams FW42
12/22

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Robert Kubica, Williams FW42
Robert Kubica, Williams FW42
13/22

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Robert Kubica, Williams FW42
Robert Kubica, Williams FW42
14/22

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Robert Kubica, Williams FW42
Robert Kubica, Williams FW42
15/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Robert Kubica, Williams FW42
Robert Kubica, Williams FW42
16/22

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Robert Kubica, Williams Racing FW42
Robert Kubica, Williams Racing FW42
17/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Robert Kubica, Williams FW42
Robert Kubica, Williams FW42
18/22

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Robert Kubica, Williams FW42
Robert Kubica, Williams FW42
19/22

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Robert Kubica, Williams Racing FW42
Robert Kubica, Williams Racing FW42
20/22

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Robert Kubica, Williams Racing, e George Russell, Williams Racing
Robert Kubica, Williams Racing, e George Russell, Williams Racing
21/22

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Robert Kubica, Williams Racing FW42
Robert Kubica, Williams Racing FW42
22/22

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

condividi
commenti
F1: Vettel e Ricciardo i più "cattivi" del Mondiale 2019!
Articolo precedente

F1: Vettel e Ricciardo i più "cattivi" del Mondiale 2019!

Articolo successivo

Michael Schumacher: a 6 anni dall'incidente il silenzio è assordante

Michael Schumacher: a 6 anni dall'incidente il silenzio è assordante
Carica i commenti