Key: "Il regolamento '22 è restrittivo ma con alcune pieghe"

Secondo James Key il regolamento tecnico in vigore il prossimo anno impedirà trovate geniali come il doppio diffusore del 2009, ma i team stanno già studiando soluzioni meno appariscenti e ugualmente innovative.

Key: "Il regolamento '22 è restrittivo ma con alcune pieghe"

Giunti ormai alle battute finali della stagione le squadre hanno praticamente sospeso lo sviluppo delle attuali monoposto per concentrarsi totalmente sulle vetture del prossimo anno che saranno figlie del nuovo regolamento tecnico.

I team proveranno a sfruttare qualsiasi area grigia per cercare di trovare il colpo di genio come avvenne nel 2009 con il doppio diffusore della Brawn GP, ma i responsabili della F1 hanno lavorato duramente per rendere il nuovo regolamento difficilmente interpretabile così da impedire alle squadre di trovare una soluzione innovativa.

Secondo James Key, però, se da un lato non ci si dovrà aspettare innovazioni da prima pagina dall’altro non è da escludere che i team adotteranno piccole soluzioni in grado di fare la differenza.

“Credo che ci siano alcune pieghe da sfruttare. Considerando quanto è restrittivo il nuovo regolamento non si vedranno doppi diffusori o innovazioni così grandi, ma ci saranno altre idee intelligenti e altri modi di approcciarsi alle novità che inizieremo a scoprire man mano che le monoposto saranno presentate”.

Uno degli obiettivi perseguiti da Liberty Media con il nuovo regolamento è quello di poter livellare i valori in campo così da consentire anche alle scuderie di metà classifica di poter lottare per vittorie occasionali.

Monoposto McLaren F1 2022

Monoposto McLaren F1 2022

Photo by: McLaren

Key ritiene che alcuni elementi delle nuove regole, come la possibilità per i team meno competitivi di poter disporre di maggior ore in galleria del vento e al CFD, potrebbero consentire di raggiungere questo scopo.

“Quando hai un nuovo regolamento come quello per il 2022 la parte più terrificante dell’anno è la prima sessione di qualifiche quando tutti mostrano il loro potenziale. Credo che fino alle qualifiche in Bahrain non conosceremo i valori in campo”.

“Penso, però, che ci saranno diversi vantaggi per i team che non occupano i vertici della classifica Costruttori. I benefici derivanti dal poter usufruire di più ore in galleria del vento ed al CFD saranno importanti per la progettazione della vettura 2022”.

“Finire al terzo posto lo scorso anno è stato bello, ma potrà avere un impatto su come riusciremo a sviluppare la nostra monoposto rispetto ad un team che ha chiuso in ottava, nona o decima piazza. Da questo punto di vista loro avranno un piccolo vantaggio”.

Presentazione Monoposto F1 2022 sulla griglia di Silverstone, dettaglio tecnico

Presentazione Monoposto F1 2022 sulla griglia di Silverstone, dettaglio tecnico

Photo by: Charles Coates / Motorsport Images

Il responsabile tecnico della McLaren, tuttavia, si è detto certo che i top team, grazie ad uno staff ben più attrezzato rispetto a quello delle scuderie minori, avranno sempre un margine il prossimo anno.

“Le infrastrutture, i metodi di lavoro, le conoscenze che sia hanno un team vincente danno sempre un po' di vantaggio”.

“Penso che, nonostante i tagli al budget imposti, le squadre più grandi siano riuscite a portare a termine tutti gli investimenti e tutte le ricerche prima dell’entrata in vigore di queste restrizioni e questo consentirà loro di avere un margine sugli altri team”.

“Credo che i rapporti di forze in campo rimarranno invariati, ma spero che le prestazioni siano più vicine. Ho il sospetto che all’inizio ci sarà un po' di confusione perché le squadre dovranno ancora conoscere appieno le vetture, ma con il passare del tempo questo ordine gerarchico crollerà”.

condividi
commenti
Gasly: "I bump di Austin renderanno il weekend complicato"
Articolo precedente

Gasly: "I bump di Austin renderanno il weekend complicato"

Articolo successivo

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario
Carica i commenti