Formula 1
30 apr
-
03 mag
Canceled
21 mag
-
24 mag
Canceled
04 giu
-
07 giu
Postponed
11 giu
-
14 giu
Postponed
25 giu
-
28 giu
Postponed
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
104 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
146 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
160 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
174 giorni

Jochen Rindt, l'unico campione postumo della F1

condividi
commenti
Jochen Rindt, l'unico campione postumo della F1
19 apr 2020, 08:39

Jochen Rindt ha dominato la stagione 1970 di Formula 1, ma ha perso la vita in un terribile incidente a tre gare dalla fine, diventando l'unico campione postumo della storia.

Nella giornata di ieri, Jochen Rindt avrebbe compiuto 78 anni. Il pilota di origini tedesche, ma che correva sotto la bandiera austriaca, ha corso nel Mondiale di Formula 1 dal 1964 al 1970, disputanto un totale di 60 gare.

Ma il destino è stato fatale per Rindt in occasione del Gran Premio d'Italia del 1970, una stagione in cui era riuscito a centrare ben cinque vittorie, costruendosi un grande vantaggio in classifica.

Anche se ci sono state altre tre gare dopo la tragedia di Monza - Canada, USA e Messico - il pilota della Lotus è riuscito comunque a vincere un titolo che lo ha reso l'unico campione postumo della storia della F1.

La carriera di Jochen Rindt in immagini

Scorrimento
Lista

Jochen Rindt è nato in Germania, ma ha rappresentato l'Austria durante la sua carriera in F1, essendo cresciuto lì fin dall'età di un anno, quando i suoi genitori morirono nel bombardamento di Amburgo del 1943 e i suoi nonni lo adottarono.

Jochen Rindt è nato in Germania, ma ha rappresentato l'Austria durante la sua carriera in F1, essendo cresciuto lì fin dall'età di un anno, quando i suoi genitori morirono nel bombardamento di Amburgo del 1943 e i suoi nonni lo adottarono.
1/13

Il suo debutto avvenne nel 1964, al GP d'Austria, dove fu costretto al ritiro per un problema allo sterzo al 59° giro . Nonostante il suo arrivo in F1, Rindt ha corso contemporaneamente in altre categorie, come la Formula 2.

Il suo debutto avvenne nel 1964, al GP d'Austria, dove fu costretto al ritiro per un problema allo sterzo al 59° giro . Nonostante il suo arrivo in F1, Rindt ha corso contemporaneamente in altre categorie, come la Formula 2.
2/13

Ha partecipato anche a due edizioni della 500 Migliaia di Indianapolis. Nel 1967, con il telaio Eagle e il motore Ford, Rindt è partito al 32° posto e si è classificato al 24° posto. L'anno successivo, con il telaio Brabham e il motore Repco, Rindt è partito 16°, ma ha tagliato il traguardo 32°.

Ha partecipato anche a due edizioni della 500 Migliaia di Indianapolis. Nel 1967, con il telaio Eagle e il motore Ford, Rindt è partito al 32° posto e si è classificato al 24° posto. L'anno successivo, con il telaio Brabham e il motore Repco, Rindt è partito 16°, ma ha tagliato il traguardo 32°.
3/13

Foto di: LAT Images

Tuttavia, il risultato più brillante al di fuori della F1 è arrivato prima, quando ha vinto la 24 Ore di Le Mans del 1965 a bordo di una Ferrari 250LM,

Tuttavia, il risultato più brillante al di fuori della F1 è arrivato prima, quando ha vinto la 24 Ore di Le Mans del 1965 a bordo di una Ferrari 250LM,
4/13

Foto di: LAT Images

In F1, Rindt ha ottenuto sei vittorie, 10 pole position e 13 podi

In F1, Rindt ha ottenuto sei vittorie, 10 pole position e 13 podi
5/13

Foto di: LAT Images

La prima è arrivata con la Lotus 49B, al GP degli Stati Uniti del 1969, a Watkins Glen.

La prima è arrivata con la Lotus 49B, al GP degli Stati Uniti del 1969, a Watkins Glen.
6/13

Foto di: Sutton Motorsport Images

Ha ottenuto un'altra vittoria con l'upgrade, la Lotus 49C. Le altre quattro vittorie invece sono arrivate con la 72C nel 1970.

Ha ottenuto un'altra vittoria con l'upgrade, la Lotus 49C. Le altre quattro vittorie invece sono arrivate con la 72C nel 1970.
7/13

Foto di: LAT Images

E fu a bordo della 72C che Rindt fu vittima l'incidente in cui perse la vita, durante le prove libere del GP d'Italia dello stesso anno.

E fu a bordo della 72C che Rindt fu vittima l'incidente in cui perse la vita, durante le prove libere del GP d'Italia dello stesso anno.
8/13

Foto di: Rainer W. Schlegelmilch

Nina Rindt, la moglie di Jochen Rindt, era in pista al momento dell'incidente nella mitica Curva Parabolica.

Nina Rindt, la moglie di Jochen Rindt, era in pista al momento dell'incidente nella mitica Curva Parabolica.
9/13

Foto di: LAT Images

Nonostante ciò, con le cinque vittorie ottenute quell'anno, Rindt ha accumulato un comodo vantaggio su Jack Ickx, che non ha potuto togliergli il titolo.

Nonostante ciò, con le cinque vittorie ottenute quell'anno, Rindt ha accumulato un comodo vantaggio su Jack Ickx, che non ha potuto togliergli il titolo.
10/13

Vale la pena ricordare che nel 1970, il sistema di punteggio F1 ha avuto due scarti. Il primo è stato il peggior risultato delle prime sette gare e il secondo è stato il peggiore delle ultime sei.

Vale la pena ricordare che nel 1970, il sistema di punteggio F1 ha avuto due scarti. Il primo è stato il peggior risultato delle prime sette gare e il secondo è stato il peggiore delle ultime sei.
11/13

Foto di: Rainer W. Schlegelmilch

Il risultato finale di quell'anno ha visto Rindt segnare un totale di 45 punti, contro i 40 di Ickx. Così, è diventato l'unico campione postumo nella storia della Formula 1.

Il risultato finale di quell'anno ha visto Rindt segnare un totale di 45 punti, contro i 40 di Ickx. Così, è diventato l'unico campione postumo nella storia della Formula 1.
12/13

Foto di: LAT Images

Rindt ha il suo nome inciso nel marmo sulla 'Walk of Fame' del circuito di Watkins Glen, teatro della sua prima vittoria in F1.

Rindt ha il suo nome inciso nel marmo sulla 'Walk of Fame' del circuito di Watkins Glen, teatro della sua prima vittoria in F1.
13/13

Foto di: Angelo Lisuzzo

Articolo successivo
I sospetti di Senna sulla Benetton nati col ritiro nel GP del Pacifico

Articolo precedente

I sospetti di Senna sulla Benetton nati col ritiro nel GP del Pacifico

Articolo successivo

Hamilton testimonial al Live Aid di Lady Gaga

Hamilton testimonial al Live Aid di Lady Gaga
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1