Trulli: "La F1 è troppo costosa per i giovani"

Il veterano non sembra vedere in maniera positiva il ritorno dei "piloti paganti"

Trulli:
In questo ultimo anno, con l'arrivo delle nuove squadre, in Formula 1 si è assistito ad una fase di transizione che ha visto riaprire le porte del Circus ai "piloti paganti". La cosa però sta tornando a diffondersi, rendendo difficile la scalata al vertice per i piloti di talento che dispongono di poco budget. Basta pensare che due piloti validi come Pastor Maldonado e Sergio Perez, che hanno chiuso la GP2 2010 da campione e da vice-campione, hanno avuto bisogno della spinta dei loro sponsor per guadagnarsi un posto all'interno di squadre come la Williams e la Sauber. Jarno Trulli, uno dei piloti più esperti del lotto, teme che questa situazione possa avere un brutto effetto sulle carriere dei giovani che si devono affacciare in Formula 1: "Oggi è difficile arrivare in Formula 1 per i piloti giovani" ha spiegato ad Auto Motor und Sport. "Il denaro sta giocando un ruolo troppo importante ed anche le serie minori come la Formula 3 sono diventate troppo costose. Ora non sarei in grado di ripetere la mia carriera...".

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Jarno Trulli
Articolo di tipo Ultime notizie