Intervista esclusiva a Vettel: "A Baku ho sentito di aver deluso la squadra!"

37,193 viste

Sebastian ammette: "Abbiamo perso una potenziale vittoria per un mio errore, mentre a Singapore è stato un incidente di gara". E sulla Scuderia spiega: "C’è ancora molto da fare, ma c’è la gente giusta e il talento che serve".

 “L’arte di essere normale”, libro di grande successo di Philip Pullman, potrebbe diventare il titolo di una biografia su Sebastian Vettel. In un periodo in cui i followers dei canali social vengono ostentanti come dei successi personali da esporre nella stanza dei trofei, Seb (così è chiamato nel box del Cavallino) spicca nel mucchio.

Nel 2017 essere uno degli sportivi più popolari al mondo comporta una visibilità totale, un aspetto che alcuni dei ‘top’ cercano e cavalcano, per appagare l’ego ed anche per monetizzare le chance che ne conseguono.

Vettel no, limita al minimo sindacale gli aspetti legati all’essere un top-driver di Formula 1, perché per lui correre in macchina resta ciò che faceva ai tempi della Formula BMW. Sono arrivati titoli Mondiali e contratti principeschi, ma di base Seb resta Seb, giusto o sbagliato che sia. Il suo modo di vivere è alla Vettel, ovvero niente social, pochi riflettori, nessun atteggiamento da vip.

Meglio pochi amici reali che tanti virtuali, meglio una stretta di mano che un selfie, meglio qualche giorno a casa con la famiglia che apparizioni in luoghi mondani. Può sembrare un ‘old style’ fuori dal tempo, come sono le moto con cui ogni tanto arriva in pista, unico vezzo insieme a qualche Ferrari stradale, che testimonia lo status di ‘arrivato’.

Ma niente di più, se non il privilegio di fare un lavoro che “solo venti persone al mondo possono fare”, con il team in cui ha sempre sognato di essere.

Cosa significa il motorsport nella tua vita?
“Ha significato tutto fino al momento in cui sono nati i miei figli”.

Sei soddisfatto da quanto hai ottenuto finora?
“Si, e non valuto l'esperienza basandomi sui successi ottenuti. A prescindere dagli obiettivi raggiunti, ho avuto l’opportunità di guidare monoposto incredibili ed emozionanti, così come di poter lavorare con grandi professionisti, fino al raggiungimento del mio sogno, che è quello di poter guidare per la Ferrari. Ovviamente il mio capitolo non è chiuso, perché con la Ferrari ci voglio vincere, ma complessivamente credo di essere molto, molto felice”.

C’è mai stata una mattina in cui dopo esserti svegliato hai pensato di non aver voglia di andare in pista?
“No. Se c’è una cosa che amo, come nei primi giorni in cui ho iniziato, è guidare una macchina da corsa e lavorare con una grande squadra. E oggi sono ancora in una fase della mia carriera in cui non riesco ad immaginare un mondo senza questo contesto. Ma indubbiamente col passare degli anni ci poniamo delle domande. Alcuni aspetti, come quello di essere sempre sotto i riflettori e davanti alle telecamere, ad alcune persone piace, ma a me molto meno, anche se capisco che fa parte del lavoro che svolgo. Ma ripeto, nel mio caso la grande motivazione è guidare una monoposto e lavorare in un team”.

È possibile avere amici nel paddock di Formula 1?
“Si, certo. Non dico che sia facile, ma…. come giudichi poi chi è un tuo vero amico? Devi vederlo tre volte alla settimana? Non credo che questo sia un parametro, non perso che si debba giudicare un’amicizia sulla base di quanto volte ci si incontra periodicamente. Credo che sia più importante andare d’accordo, e ci sono molte persone qui nel paddock con cui mi trovo bene e con cui trascorro molto tempo".

"Non credo sia fondamentale andare a bere una birra insieme durante la settimana tra una gara e l’altra per considerarsi amici. Un buon modo per valutare un rapporto d’amicizia credo sia anche il rimanere in contatto quando si lascia questo paddock".

"Ci sono persone con cui ho lavorato in passato e che hanno concluso la loro esperienza in Formula 1, dedicandosi a qualcosa di completamente diverso, e sono ancora in contatto con loro, ed anche questo è un parametro per valutare un rapporto".

"Se poi mi chiedi: quanti amici stretti hai nella vita? Credo che possa essere un numero di due o tre, e sono quelli che ho da molto tempo. Ma in generale a me piace l’ambiente del paddock con le sue persone, condividiamo una passione ed è qualcosa che ci porta a confrontarci”.

In Formula 1 si sente sempre più parlare di pressione. E’ una componente che soffri o non impatta su ciò che fai?
“Dipende. Si può semplificare dicendo che la pressione non è mai una buona cosa, ma credo che anche una totale mancanza di pressione non sia positiva, quindi bisogna trovare il giusto compromesso. Penso che la vita senza pressione sia… noiosa".

"Allo stesso tempo sono convinto che solo noi stessi dovremmo decidere quanta pressione farci, altrimenti vuol dire che c’è qualcosa che non quadra. Quello che chiedo a me stesso non è cambiato nel corso degli anni: sono sempre io a mettermi più pressione di quanta me ne mettano dall’esterno". 

"Sono convinto che dovremmo sempre essere noi stessi a decidere della nostra vita, nessuno più di te stesso sa giudicare se hai fatto o meno un buon lavoro, se hai ragione o non hai ragione. Detto questo, puoi decidere tu quanta pressione metterti. Se esageri con le aspettative poi fai fatica ad andare avanti e non stai bene con te stesso”.

Alcuni piloti mettono il veto con il proprio team su alcuni colleghi che non desiderano avere come compagni di squadra. Qual è il tuo approccio? Pensi che sia normale preferire un pilota piuttosto che un altro?
“Sì, ma non è una decisione che spetta al pilota, non credo sia corretto. Ovviamente lavorare con un pilota che stimi e rispetti è molto più facile, soprattutto considerando che spesso in Formula 1 c’è chi tende a complicare le cose molto più del necessario".

"Lavorare con qualcuno che si conosce, che non fa politica e confusione, è un valore aggiunto, ed è per questo che Kimi è probabilmente il migliore compagno di squadra che abbia mai avuto: è una persona diretta. Ma non mi sono trovato male anche con Daniel (Ricciardo), mentre con Mark (Webber) a volte abbiamo avuto delle divergenze. Ma dobbiamo anche tenere conto che rappresentavamo due generazioni differenti di piloti, quindi fin dall’inizio della nostra convivenza non siamo mai stati più vicini del necessario”.

Punti di forza e debolezze di Sebastian Vettel ...
“Dovresti chiedere ad altre persone, non a me. In merito alle debolezze…a volte posso diventare molto testardo, troppo testardo e probabilmente ci sono anche altre cose. È meglio se chiedete i punti di forza!”.

Hai compiuto trent’anni. Che cosa ti rende felice? Solo vincere o c’è dell’altro?
“Mi godo il momento. Sono molto felice e onorato di correre per la Ferrari, ma voglio vincere. Misuro la felicità con il successo? Probabilmente no, ma ciò che mi rende felice è uscire dalla monoposto e dire che ho fatto tutto quello che potevo fare con la mia performance personale".

"Ma anche sapere di avere una squadra dietro di me, vedere che lavoriamo tutti nella stessa direzione, è qualcosa che regala soddisfazione. Poi, a parte quello che fa parte della mia vita ‘racing’, c’è tutto il mondo privato che ho a casa”.

Di che cosa hai paura nella vita?
“Direi… cose normali, le cose che possono far paura ad una persone di trent’anni. Non mi considero diverso dai miei coetanei, anche se ho un lavoro molto speciale che fanno solo venti persone al mondo. In termini di difficoltà, paure e sfide, credo che le mie reazioni siano quelle di una persona normale, con un lavoro ordinario, che non viene considerata qualcosa di speciale. Credo che con l’invecchiare aumenti progressivamente la preoccupazione per la propria salute e per quella delle persone a cui si vuol bene, quando sei giovane semplicemente non ci pensi, non hai paura di nulla”.

Il 2017 ha riportato Vettel e la Ferrari sul gradino più alto del podio dopo un 2016 di passione. Cosa è cambiato nella squadra per consentire questo passo avanti?
“Non così tanto come si potrebbe pensare. Le persone sono più o meno le stesse di un anno fa. Il 2016 è stato difficile, ma allo stesso tempo è stata una stagione importante, perché sotto molti aspetti abbiamo imboccato la giusta direzione".

"Ovviamente abbiamo colto la chance arrivata grazie al nuovo regolamento tecnico, che ha consentito di partorire delle monoposto completamente nuove, ma non siamo ancora soddisfatti, vogliamo vincere di più!"

"C’è ancora molto da fare, ma non intendo che sia necessario cambiare delle persone. Ogni volta che si parla di cambiamenti la gente pensa: ‘Ah, devi cambiare del personale’, no, non è questo. A volte è necessario trovare piccole variazioni, e tutto funziona molto meglio anche con le stesse persone che c’erano prima".

"Penso che il potenziale sia già in Ferrari, c’è la gente giusta, c’è il talento che serve. Sta a noi, tutti noi, lavorare al meglio insieme e concretizzare ciò che vogliamo ottenere”.

A Sepang hai sorpreso un pò quando ha affermato di voler vincere tutte le restanti gare in calendario. E’ sembrata una visione un po’ ottimista, ma poi in realtà a mancare è stata l’affidabilità, non la performance.
“Abbiamo visto che ogni gara fa storia a se. Se, come è accaduto in Malesia, parti ultimo, allora diventa tutto difficile. Ma la velocità a Sepang c’era, a conferma che abbiamo una monoposto vincente ed anche ulteriori margini di miglioramento. La mia opinione è che abbiamo già dimostrato molto, e credo che la direzione presa dal team sia quella giusta. Ora si parla di fortuna o sfortuna. Non credo nella fortuna, intendo in generale, come principio, ma abbiamo visto delle cose non andare nelle direzione in cui speravamo".

"Alla fine credo che la ruota giri, e ciò che oggi è accaduto a noi, può accadere anche ad altri, anche se non è ciò che auguro a nessuno. Quello che voglio sottolineare è che fa parte delle corse. Abbiamo avuto molti weekend di gara senza alcun imprevisto, poi sappiamo cosa ci è accaduto nell’arco di poche settimane, ma credo anche che completare una stagione così lunga senza problemi sia molto raro".

"Un inconveniente è piuttosto comune, certo, se poi diventano due, tre o anche di più, allora non è una buona notizia. Da una parte siamo contenti di ciò che abbiamo, ma ovviamente vogliamo di più. Abbiamo il passo per vincere le prossime gare, ed è su questo che dobbiamo concentrarci”.

Peggio la domenica sera era a Baku o quella di Singapore?
“Penso che la sera di Baku sia stata peggiore, perché ho sentito di aver deluso la squadra. Abbiamo perso una potenziale vittoria per un mio errore, mentre se ripenso a quanto accaduto a Singapore credo che sia stato un episodio di gara, come a volte accade nelle corse".

"E’ stata una circostanza sfortunata, credo di aver visto molti incidenti in partenza prima di Singapore e credo che ne vedremo anche in futuro, e se ti capita di essere coinvolto c’è poco che puoi fare. È arrivata in un buon momento? No. Ma probabilmente non c’è neanche un momento giusto per avere un imprevisto del genere, è successo e dobbiamo andare avanti e concentrarci su ciò che possiamo controllare”

Credi che il presidente Marchionne ogni tanto metta troppa pressione sulla squadra?
Non credo, dopo un paio d'anni ho la sensazione che molte volte ciò che dice venga tradotto in modo un po’ troppo duro. Il Presidente parla in modo diretto, e credo abbia ragione. C’è sempre un motivo preciso dietro le sue dichiarazioni, ed è sempre corretto. Ma ci sono persone che tendono a fare sempre un gran rumore".

"All’interno della squadra sappiamo che ciò che dice ai media sono le stesse cose che conferma nel team, ma all’esterno viene riportata come una grande notizia, e a volte si creano un po’ di turbolenze che non portano nulla. Nel tempo il team ha imparato a gestire questi aspetti, e oggi non facciamo molto caso a cosa arriva da fuori".

"Il Presidente ha un legame molto forte con tutti noi, è coinvolto nell’attività della squadra, e sappiamo tutti che è un uomo di grandi capacità. Quando valuta il nostro lavoro sa cosa è giusto e cosa no, e vuole che la Ferrari vinca come lo vogliamo tutti noi. Non credo che lui voglia mettere pressione al team, ma quello che dice viene tradotto dai media come tale”.

Cosa ti sta lasciando la tua esperienza in Italia?
“Prima di arrivare in Ferrari avevo già vissuto l’esperienza in Toro Rosso, lavorando con molti italiani. Ma credo che la Ferrari sia… ancora più italiana. Con Toro è stato più semplice, perché sia i proprietari che una parte del team è austriaca, e fa riferimento alla Red Bull, una realtà vicina a quella che ero abituato a vivere".

"In Ferrari è tutto molto diverso, perché si tratta di una squadra al cento per cento italiana e credo sia una cosa fantastica. Oggi il mondo del motorsport è decisamente internazionale, ma vedere una squadra con una cultura assolutamente italiana e composta da gente con valori italiani, rende questo team affascinante ed diverso da tutti gli altri".

"Tutte le squadre nel paddock si assomigliano molto, sotto molti aspetti, ma la Ferrari è diversa. Mi piace il modo di vivere italiano, sono affascinato da questa cultura, e questo ha influito positivamente sul modo che ho di rapportarmi con la gente. L’unica cosa che mi imbarazza un po’ è che il mio italiano non è ancora come vorrei….”.

Ma capisci le domande, e visto che hai firmato un nuovo contratto triennale, avrai tempo per migliorare.
“Sì, ma vorrei parlare meglio. Sono timido, e non mi sento ancora pronto. Comunque, in effetti, ho altri tre anni per applicarmi e arrivare ad un buon livello. Mi ci metterò sotto”.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Sebastian Vettel
Team Ferrari
Articolo di tipo Intervista