L'ex medico della FIA: "Schumi ce la può fare"

OmniCorse.it ha anche sentito un neurochirurgo che prospetta due possibili scenari

L'ex medico della FIA:
Gary Hartstein, l'esperto anestesista americano che è stato il delegato medico della FIA ai Gran Premi di Formula 1 fino al 2012 è fiducioso. Il sanitario che ben conosce Michael Schumacher su Twitter dispensa ottimismo e fiducia: "In risposta alla domanda se Michael può sopravvivere la mia risposta è un sonoro sì. Ricordo che per il momento le cose sono ancora molto dinamiche...". Nel frattempo una trentina di giornalisti per lo più tedeschi, italiani e francesi si sono assiepati davanti al Centro Ospedaliero Universitario di Grenoble dove il sette volte campione del mondo è ricoverato in prognosi riservata: l'ex pilota tedesco è tenuto in coma farmacologico dopo l'intervento chirurgico al cervello a cui è stato sottoposto ieri sera. Abbiamo contattato un neurochirurgo esperto in traumi alla testa e ci ha prospettato due possibili differenti situazioni: se c'è stato un ematona extradurale, vale a dire una "bolla" di sangue fra la meninge e l'osso di solito l'intervento chirurgico può essere risolutivo, mentre è più probabile che si sia trattato di un ematoma sottodurale acuto: in questo caso si possono essere strappati dei vasi per effetto della violenta contusione e si possono anche riformare degli ematomi. Michael è tenuto in coma farmacologico proprio per sedare l'attività cerebrale e la speranza è che la pressione cerebrale scenda rapidamente ai valori normali. In questo caso non sono da escludere altri interventi chirurgici che ci auguriamo, invece, che possano essere scongiurati. Fra circa un'ora e mezza sapremo aggiornarvi con notizie più precise dopo la conferenza stampa dei sanitari transalpini...

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Michael Schumacher
Articolo di tipo Ultime notizie