Grosjean: "Schumi è un atleta capace di reagire"

Il pilota Lotus si augura che la famiglia non venga distratta dalle voci, perché Michael avrà la forza per farcela

Grosjean:
Michael Schumacher e la polmonite. La Bild ha scatenato di nuovo l'agitazione del mondo sulle condizioni del sette volte campione del mondo che è in stato di coma dal 29 dicembre, giorno in cui è caduto con gli sci sulle nevi di Meribel. I medici dell'Ospedale di Grenoble tacciono, mentre Sabine Kehm, puntualmente, smentisce le voci che vengono messe in giro dai tedeschi quasi tutti i giorni. Va detto che per un paziente in gravi condizioni come Michael è piuttosto frequente che insorga una polmonite perché con la respirazione forzata è possibile che si formino delle secrezioni che si infettano: i sanitari conoscono benissimo i rischi di queste patologie che derivano dall'immobilità, ma sono in grado di tenere sotto controllo i rischi di una persona che perde molte delle sue capacità immunitarie. Romain Grosjean, che oggi era a Parigi, in un incontro con alcuni giornalisti ha voluto dare il suo incoraggiamento a Michael Schumacher: "Credo che lui e la sua famiglia non vogliano sentire tutto quello che si dice a destra e a sinistra tutti i giorni. E' un grande campione e voglio solo pensare il meglio. Michael è un atleta: sono sicuro che possa uscire da situazioni che non fanno parte della casistica che si leggono sui libri!".
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Articolo di tipo Ultime notizie