Il respiratore Mercedes è stato approvato per l'uso in UK

Un aiuto alla respirazione che ha avuto degli input in fase di progettazione dagli ingegneri di Formula 1 della Mercedes è stato approvato per aiutare i pazienti affetti dal COVID-19 in Gran Bretagna.

Il respiratore Mercedes è stato approvato per l'uso in UK

Mentre l'impatto della pandemia del Coronavirus continua a farsi sentire in tutto il mondo, i team di F1 si sono impegnati a prestare le loro capacità ingegneristiche per supportare i servizi sanitari attraverso il "Progetto Pitlane".

In collaborazione con alcuni ingegneri dell'University College di Londra, Mercedes-AMG High Performance Powertrain - la divisione motori della F1 - ha aiutato a sviluppare un aiuto alla respirazione.

Si tratta di un dispositivo progettato per mantenere i pazienti di COVID-19 fuori dalle terapie intensive ed è già stato ampiamente utilizzato in Italia ed in Cina.

Secondo le statistiche, in Italia il 50% dei pazienti a cui è stato dato un dispositivo CPAP (Continuous Positive Airway Pressure) ha evitato la necessità di ventilazione meccanica invasiva.

Con il regno unito che affronta una carenza di questi dispositivi, gli ingegneri hanno lavorato 24 ore su 24 al campus della UCL e sono riusciti ad ottenere una prima produzione di dispositivi in meno di 100 ore dalla prima riunione di mercoledì 18 marzo.

Il dispositivo ora ha ricevuto anche l'approvazione della Medicines and Healthcare Products Regulatory Agency.

Un centinaio di dispositivi saranno utilizzati presso l'University College Hospital per studi clinici prima della diffusione negli ospedali di tutto il paese.

"La comunità della Formula 1 ha mostrato una risposta impressionante alla richiesta di supporto, riunendosi nel Project Pitlane per supportare il bisogno nazionale in questo momento" ha dichiarato Andy Cowell, responsabile di Mercedes HPP.

"Siamo stati orgogliosi di mettere le nostre risorse al servizio della comunità per consegnare il progetto CPAP ai massimi standard e nel più breve tempo possibile".

Il governo britannico ha fatto un ordine per 10.000 ventilatori con un consorzio che comprende i sette team di F1 con sede nel Regno Unito, nonché i giganti dell'ingegneria Airbus, BAE Systems e Ford.

Funzionari del governo hanno previsto di aver bisogno di 30.000 ventilatori, ma attualmente ne hanno solamente 8.000 in uso ed altri 8.000 sono stati ordinati da fornitori internazionali.

Il capo del consorzio, Dick Elsy, ha dichiarato: "Questo consorzio riunisce alcune delle aziende più innovative del mondo. Sono fiducioso che questo consorzio abbia le competenze e gli strumenti per fare la differenza e salvare vite umane".

UCL, UCLH and Formula One develop life-saving breathing aids for the NHS

UCL, UCLH and Formula One develop life-saving breathing aids for the NHS
1/6

Foto di: James Tye / UCL

UCL, UCLH and Formula One develop life-saving breathing aids for the NHS

UCL, UCLH and Formula One develop life-saving breathing aids for the NHS
2/6

Foto di: James Tye / UCL

UCL, UCLH and Formula One develop life-saving breathing aids for the NHS

UCL, UCLH and Formula One develop life-saving breathing aids for the NHS
3/6

Foto di: James Tye / UCL

UCL, UCLH and Formula One develop life-saving breathing aids for the NHS

UCL, UCLH and Formula One develop life-saving breathing aids for the NHS
4/6

Foto di: James Tye / UCL

UCL, UCLH and Formula One develop life-saving breathing aids for the NHS

UCL, UCLH and Formula One develop life-saving breathing aids for the NHS
5/6

Foto di: James Tye / UCL

UCL, UCLH and Formula One develop life-saving breathing aids for the NHS

UCL, UCLH and Formula One develop life-saving breathing aids for the NHS
6/6

Foto di: James Tye / UCL

condividi
commenti
Pazzia di Marko: "Corona Camp" per i piloti, no Red Bull

Articolo precedente

Pazzia di Marko: "Corona Camp" per i piloti, no Red Bull

Articolo successivo

Norris si rasa a zero i capelli per la lotta al Coronavirus!

Norris si rasa a zero i capelli per la lotta al Coronavirus!
Carica i commenti