Il Paul Ricard è gia al 95% per la piena sostenibilità

Eric Boullier ha elogiato il lavoro svolto dal circuito francese per raggiungere il 95% di sostenibilità e promette ulteriori investimenti per raggiungere il 100%.

Il Paul Ricard è gia al 95% per la piena sostenibilità

La F1 ha annunciato l’intenzione di diventare carbon neutral entro il 30 novembre 2030, nel quadro di una maggiore attenzione all’ambiente, e di voler rendere tutti gli eventi sostenibili entro il 2025.

Il Paul Ricard è diventato il secondo circuito al mondo a ricevere a gennaio l'accreditamento ambientale a tre stelle della FIA, il più alto livello di riconoscimento per i programmi di sostenibilità assegnati dall'organo di governo dell'automobilismo sportivo.

Parlando con alcuni media selezionati, tra cui Motorsport.com, alla conferenza BHMSE di Baku, l'amministratore delegato del Gran Premio di Francia, Eric Boullier, ha dichiarato che il Paul Ricard è “davanti a tutti” in F1 con nell’ambito della sostenibilità.

“Non lo dico per aiutare il mio ego o altro. Recentemente abbiamo avuto un forum con la FOM e tutti i promotori, e ci è stato presentato questo piano di sostenibilità a cui vorrebbero che i promoter si attenessero e fossero pronti prima del 2030”, ha detto Boullier.

“Sorprendentemente, e grazie ai nostri partner del Paul Ricard, siamo già al 95% del piano. Siamo davvero avanti rispetto a tutti gli altri. Tra le misure che adotteremo ci sarà anche l’introduzione di autobus elettrici e tutto quello che saremo in grado di fare”.

“In Francia è in vigore da gennaio una legge che obbliga tutti i grandi eventi ad essere plastic-free. Tra le varie cose che stiamo facendo in circuito abbiamo anche pensato a creare degli alveari. Se il miele sarà buono significa che anche l’aria sarà buona!”.

“Usiamo l'acqua piovana ed abbiamo un grande magazzino per raccoglierla e riutilizzarla. La lista è lunga, ma ci sono molte cose come questa”.

Alla domanda su quando si attende il pieno raggiungimento della sostenibilità, Boullier ha risposto: “Non lo so ancora. Raggiungere il 95% è stata la parte facile, il difficile viene adesso. Dobbiamo valutare anche gli investimenti da effettuare”.

Un'idea suggerita dall'amministratore delegato della F1 Ross Brawn per aiutare la spinta alla sostenibilità è stata quella di installare motorhome permanenti in tutti i circuiti di gara, eliminando la necessità per le squadre di trasportare le loro unità in giro per l'Europa.

“E’ una buona idea. Immagino ci sarà anche un periodo di transizione. Le squadre che hanno appena acquistato i nuovi motorhome non credo sarebbero felici di liberarsene il prossimo anno. Credo servirà del tempo”.

condividi
commenti
Norris e Hulkenberg stelle del #NotTheBahGP
Articolo precedente

Norris e Hulkenberg stelle del #NotTheBahGP

Articolo successivo

Secondo flussometro: siete sicuri che penalizzerà la Ferrari?

Secondo flussometro: siete sicuri che penalizzerà la Ferrari?
Carica i commenti