Il mio lavoro in Formula 1: l'ingegnere della Brembo

Motorsport.com ha incontrato Andrea Pellegrini nel paddock della Formula 1. L'ingegnere italiano ci ha parlato del suo lavoro alla Brembo.

Andrea Pellegrini è ingegnere e program manager alla Brembo, l'azienda italiana che produce impianti frenanti ad alta prestazione.

L'azienda si trova a Curno, in Italia, e fornisce dischi freno, pastiglie e pinze a quasi tutti i team di Formula 1: quelli sotto contratto sono Mercedes, Ferrari, Toro Rosso, Red Bull, Sauber, Renault ed Haas (la squadra statunitense però ha provato anche materiali di altri fornitori).

Il mio lavoro consiste in...

Ho iniziato alla Brembo nel 2005. Il mio lavoro è quello di essere presente nella maggior parte dei weekend di gara ed assicurarmi che tutto vada bene. Forniamo dischi, pastiglie e pinze alle squadre, quindi devo assicurarmi che le squadre dispongano di tutto ciò di cui hanno bisogno nel fine settimana.

Ferrari SF70-H front brake and wheel hub detail
Ferrari SF70-H front brake and wheel hub detail

Photo by: Sutton Images

Il programma del mio fine settimana...

Il giovedì prima del GP ho degli incontri con tutte le squadre e rivediamo insieme i piani per il fine settimana. Parlo con i piloti, con i meccanici e con gli ingegneri di pista. Le piste non richiedono tutte lo stesso livello di energia e le più impegnative sono Montreal, Monza e Singapore. E' importante per ogni team settere l'impianto frenante nella maniera più adatta al tipo di tracciato. Abbiamo diverse soluzioni di raffreddamento, misure del disco ed altri paramenti che possono variare per soddisfare le esigenze.

Venerdì cominciamo a raccogliere i dati della telemetria, come la temperatura dei dischi e delle pinze, sia anteriori che posteriori. Controlliamo la pressione e la coppia massima per assicurarci che tutto sia corretto. Abbiamo un sensore della temperatura della pinza ed uno della corsa del cilindro principale, quindi possiamo conoscere la forza esercitata dal pilota sul pedale e la corsa del pedale del freno.

Nella giornata di sabato facciamo alcune modifiche, perché la pista cambia molto durante il fine settimana. Di solito si comincia con poco grip, poi questo migliora giorno dopo giorno. Di conseguenza, migliora anche la frenata. Dobbiamo assicurarci che le temperature rimangano basse durante le libere e le qualifiche, per garantire che non vadano oltre il limite durante la gara.

Domenica non ho molto da fare, per essere onesti. Seguo l'inizio della gara, poi vado nei box ed incrocio le dita che vada tutto per il meglio. Le squadre informano i piloti su come regolare il bilanciamento dei freni, se quelli anteriori o posteriori iniziano a surriscaldarsi. Inoltre avvertono i piloti anche se i dischi diventano pericolosamente sottili.

L'aspetto più importante del mio lavoro...

Direi la riservatezza. La discrezione. Ho accesso ai box e vedo i dati trasmessi dalla telemetria. Devo conservare tutte le informazioni per me e non divulgare dati sensibili alle altre squadre.

Red Bull Racing brake system, Brembo
Red Bull Racing brake system, Brembo

Photo by: XPB Images

Tra strumenti essenziali per il mio lavoro...

Il mio computer portatile, naturalmente, il mio smartphone per essere in contatto con i miei colleghi in Italia e molta passione per la Formula 1.

Le persone con cui sono sempre in contatto...

Il mio capo, i miei colleghi del dipartimento di ricerca e sviluppo e gli altri ingegneri tecnici della Brembo.

Quando sono lontano dalle gare...

Sono in ufficio. Devo analizzare la grande quantità di dati raccolti, trovare soluzioni e nuove idee per mantenere l'azienda al top. Sono anche in contatto con le squadre per pianificare la produzione e la consegna delle componenti.

Sebastian Vettel and Maurizio Arrivabene, Ferrari Team Principal at Brembo factory
Sebastian Vettel e Maurizio Arrivabene, Ferrari Team Principal alla fabbrica Brembo

Brembo

Il mio hobby...

Mi piace molto lavorare sulle mie moto e guidarle sulle strade più belle.

La Formula 1 è...

E' come una seconda famiglia per me. Ho molti amici qui nel paddock. Mi piace molto il mio lavoro. Mi piace parlare con i piloti e gli ingegneri. Mi piace molto la Formula 1. Ho iniziato a lavorare in F.1 al GP del Bahrain del 2005. Era anche il mio compleanno, quindi è stato incredibile: mi sono sentito come un bambino il giorno di Natale!

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Articolo di tipo Curiosità