Formula 1
G
GP del Bahrain
19 mar
-
22 mar
PL1 in
21 giorni
07 mag
-
10 mag
FP1 in
70 giorni
21 mag
-
24 mag
FP1 in
83 giorni
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
FP1 in
105 giorni
02 lug
-
05 lug
FP1 in
126 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
FP1 in
140 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
FP1 in
154 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
FP1 in
182 giorni
03 set
-
06 set
FP1 in
189 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
203 giorni
24 set
-
27 set
FP1 in
210 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
FP1 in
238 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
245 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
259 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
273 giorni

Ian Wright, un ingegnere ex Mercedes alla Sauber

condividi
commenti
Ian Wright, un ingegnere ex Mercedes alla Sauber
Di:
Tradotto da: Chiara Rainis, Motorsport.com Switzerland
6 lug 2017, 16:21

Ancora priva di un responsabile del muretto dopo il licenziamento della boss Monisha Kaltenborn, la scuderia di Hinwil ha reclutato un ex tecnico di Stoccarda nelle vesti di direttore della performance.

Mentre le redini del gruppo continuano a restare nelle mani del direttore tecnico Jörg Zander e del manager Beat Zehnder in attesa di trovare un nuovo team principal (si fanno i nomi di Frédéric Vasseur, Dave Ryan, Graeme Lowdon e Jost Capito) da inserire al posto di Monisha Kaltenborn, messa alla porta alla vigilia del GP dell’Azerbaijan, la Sauber si sta dando alla campagna acquisti. 

Così, dopo aver nominato capo progettista l’esperto Luca Furbatto dal passato in Tyrrell, BAR, Toyota , McLaren e Manor, e a breve in Svizzera per iniziare il lavoro sulla C37 che vedremo in azione nel 2018, il team elvetico non si è fermato e, a poche ore dall’avvio del week end austriaco, ha firmato un nuovo contratto affidando a Ian Wright il compito di dirigere il reparto performance. 

L’inglese, pure lui veterano del Circus, ha cominciato la carriera nella massima serie nel 1998 alla BAR per rimanerci fino al 2014, malgrado i diversi passaggi di proprietà che l’hanno portata a chiamarsi Honda, Brawn GP e infine Mercedes, prima del trasferimento negli Stati Uniti per dedicarsi ad altro. 

 
Articolo successivo
Ocon: "Il contatto con Perez a Baku? Il team dice colpa di entrambi"

Articolo precedente

Ocon: "Il contatto con Perez a Baku? Il team dice colpa di entrambi"

Articolo successivo

Ferrari: nuova l'ala anteriore, ma la FIA blocca la flessione del fondo

Ferrari: nuova l'ala anteriore, ma la FIA blocca la flessione del fondo
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Team Alfa Romeo
Autore Lawrence Barretto